Pio XII e Paolo VI, due vite al servizio della Chiesa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:40

Si terrà venerdì 25 maggio, alle 17, a Roma, presso la Sala Capitolare del Convento di Santa Maria sopra Minerva il convegno “Pio XII e Paolo VI: due vite spese a servizio della Chiesa”. Si tratta di un evento organizzato dal Comitato Papa Pacelli – Associazione Pio XII che sarà presieduto dal cardinale Dominique Mamberti, Prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica.

Si tratta di un importante appuntamento di approfondimento delle figure di questi due grandi Pontefici, anche in vista della prossima canonizzazione di Paolo VI, che per tanti anni fu stretto collaboratore di Papa Pacelli (che lo volle come suo sostituto in Segreteria di Stato) diventandone poi il maggiore difensore, tanto da avviarne la causa di beatificazione.

Alla vigilia del concistoro in cui Papa Francesco ha annunciato la data della canonizzazione di Montini (il prossimo 14 ottobre, in pieno Sinodo dei Vescovi), In Terris aveva pubblicato un'intervista a mons. Guido Mazzotta in cui il relatore della “positio” spiegava il rapporto tra Pacelli e Montini, i motivi della rottura tra i due e il successivo riavvicinamento. Il convegno di venerdì sarà utile per fornire ulteriori dettagli.

Dopo i saluti di Padre Pascual Cebollada, postulatore generale della Compagnia di Gesù, sono previste le relazioni di Andrea Tornielli, vaticanista de La Stampa, e di Giulio Alfano, docente presso la Pontificia Università Lateranense.

Nel chiostro del convento sarà allestita anche la mostra documentaria “Il Vaticano nella Seconda Guerra Mondiale – L'azione diplomatica ed assistenziale”, a cura del Centro per la promozione del libro, che ripercorrerà l'opera della S. Sede attraverso una trentina di pannelli con la riproduzione di oltre 200 documenti dell'epoca.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.