Pedofilia, a marzo l’udienza preliminare per il cardinal Pell

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:30

George Pell, il cardinale australiano accusato di presunti abusi sessuali su minori, dovrà affrontare a marzo un’udienza preliminare di circa quattro settimane con richiesta di rinvio a giudizio per reati di pedofilia “storici”, ovvero commessi in tempi non recenti, a danno di diverse vittime. Come riportano diversi media, la seduta vedrà la deposizione di circa 50 testimoni, al fine di stabilire se vi siano prove sufficienti per sottoporre il porporato a processo.

L’udienza di luglio

Già a luglio 2017, Pell  è comparso davanti al tribunale di Melbourne per una breve udienza preliminare durante le quale si è dichiarato innocente, respingendo tutte le accuse. In quell’occasione, il cardinale non rilasciò nessuna dichiarazione. Il suo avvocato, Robert Richter, secondo l’emittente televisiva Abc, ha dichiarato che “a scanso di equivoci, dico subito che il cardinale Pell si dichiara non colpevole di tutte le accuse. Ricordo che lui è innocente”. Pell, 76 anni, ex prefetto della Segreteria per gli Affari economici della Santa Sede, di fatto è il numero tre del Vaticano. Incriminato nel mese di giugno 2017 dalla polizia dello Stato di Victoria. Papa Francesco, lo scorso 29 giugno, quando si ebbe notizia dell’incriminazione, concesse al porporato un periodo di congedo per difendersi dalle accuse.

La fiducia di Papa Bergoglio
 
Già nei mesi scorsi il cardinale aveva deposto in videoconferenza da un albergo romano davanti alla Corte reale nell’ambito di un procedimento per il presunto insabbiamento di casi di pedofilia. Per recarsi in Australia, Pell ha avuto bisogno di un nulla osta medico. Il Papa ha comunque ribadito la sua stima al porporato australiano che ha sempre respinto con grande fermezza ogni accusa nei suoi confronti.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.