Evangelizzare “in contesti differenti”. Missione pastorale tra fieranti e circensi

Fondazione Migrantes: a Padova l’incontro nazionale “La Chiesa tra i viaggianti”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
pastorale

La missione pastorale è “operare con persone mobili che vivono simultaneamente in contesti differenti“. A spiegarlo al Sir è il direttore generale della Fondazione Migrantes, don Gianni De Robertis. “La Chiesa tra i viaggianti”. È questo il tema dell’incontro nazionale dell’ufficio Cei per i migranti. In corso a Padova fino a venerdì. E rivolto agli operatori della pastorale del circo e del luna park.

No al soliloquio

Al meeting di Padova si sono dati appuntamento coloro che lavorano con la gente del viaggio. E che hanno la necessità di condividere le proprie riflessioni. Anche con colleghi che operano in luoghi molto lontani. “Se ci confrontiamo solo con i più vicini potremmo essere costretti a un soliloquio- puntualizza De Robertis-. Ci troviamo ad operare con persone mobili che vivono simultaneamente in contesti differenti. Ed è necessario confrontarci criticamente. La pandemia, anche in questo settore, ha evidenziato molti problemi e interrogativi nuovi“.

Gente del viaggio

E’ in programma una relazione su “La Chiesa tra e con la gente del viaggio”. Affidata a don Mirko Dalla Torre  Il sacerdote veneto fa parte della Consulta nazionale Migrantes per la pastorale dello spettacolo viaggiante. I calendario, poi, una celebrazione eucaristica presieduta da monsignor Luigi Bressan. Vescovo incaricato per la Migrantes Triveneta. Domani è prevista la visita alla “città” delle giostre, Bergantino, e alle sue aziende. I partecipanti al convegno incontreranno anche il sindaco di Bergantino (Rovigo) le autorità locali. Nel pomeriggio “In ascolto di alcune testimonianze di fieranti e circensi”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.