Papa: a settembre viaggio apostolico in Kazakistan

Papa Francesco compirà un viaggio apostolico in Kazakistan dal 13 al 15 settembre. Lo annuncia la sala stampa della Santa Sede

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:51
papa
Papa Francesco in aereo (immagine di repertorio)

Papa Francesco compirà un viaggio apostolico in Kazakistan dal 13 al 15 settembre. Lo annuncia il direttore della sala stampa della Santa Sede, Matteo Bruni. Il Pontefice, si legge, “accogliendo l’invito delle autorità civili ed ecclesiali” visiterà “la città di Nur-Sultan in occasione del VII Congress of Leaders of World and Traditional Religions”.

Il Kazakistan, cuore economico dell’Asia Centrale

Il Kazakistan è un paese transcontinentale senza sbocco sul mare situato principalmente nell’Asia centrale e in parte nell’Europa orientale. Confina con la Russia a nord e ad ovest, la Cina a est, il Kirghizistan a sud-est, l’ Uzbekistan a sud e il Turkmenistan a sud-ovest. La sua capitale è Nur-Sultan, precedentemente noto come Astana fino al 2019. Almaty, la città più grande del Kazakistan, è stata la capitale del paese fino al 1997.

Il Kazakistan è il più grande paese senza sbocco sul mare del mondo, il più grande paese del mondo a maggioranza musulmana per superficie (e il più settentrionale) e il nono più grande paese nel mondo in generale. Ha una popolazione di 19 milioni di persone e una delle densità di popolazione più basse al mondo, con meno di 6 persone per chilometro quadrato (15 persone per miglio quadrato).

Il paese domina economicamente e politicamente l’Asia centrale, generando il 60 per cento del PIL della regione, principalmente attraverso la sua industria petrolifera e del gas ; ha anche vaste risorse minerarie. Ufficialmente, è una repubblica democratica, laica , unitaria , costituzionale con un diverso patrimonio culturale.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.