Papa: “Servono statisti cristiani”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:49

Cercasi politici cristiani. L'appello lo lancia Papa Francesco, ricevendo in udienza nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico Vaticano i membri della Fondazione “Giorgio La Pira”, in occasione del V Convegno Nazionale in corso a Roma. “La complessità della vita politica italiana e internazionale necessita di fedeli laici e di statisti di alto spessore umano e cristiano per il servizio al bene comune”.

Pertanto, ha proseguito il Vescovo di Roma, “è importante riscoprire Giorgio La Pira, figura esemplare per la Chiesa e per il mondo contemporaneo”. Secondo Papa Bergoglio, l'ex sindaco di Firenze “fu un entusiasta testimone del Vangelo e un profeta dei tempi moderni; i suoi atteggiamenti erano sempre ispirati da un'ottica cristiana, mentre la sua azione era spesso in anticipo sui tempi”. Dopo aver ripercorso i momenti salienti della vita e attività di La Pira, Francesco ha aggiunto: “Vi incoraggio a mantenere vivo e a diffondere il patrimonio di azione ecclesiale e sociale del Venerabile Giorgio La Pira; in particolare la sua testimonianza integrale di fede, l'amore per i poveri e gli emarginati, il lavoro per la pace, l'attuazione del messaggio sociale della Chiesa e la grande fedeltà alle indicazioni cattoliche. Sono tutti elementi che costituiscono un valido messaggio per la Chiesa e la società di oggi, avvalorato dall'esemplarità dei suoi gesti e delle sue parole”. Il Santo Padre ha inoltre ricordato che in politica non bisogna “cedere a tentazioni” come “quando, ad esempio, si ricerca l'esclusivo profitto personale o di un gruppo piuttosto che l'interesse di tutti; quando il clientelismo prevarica sulla giustizia; quando l'eccessivo attaccamento al potere sbarra di fatto il ricambio generazionale e l'accesso alle nuove leve“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.