Il Papa nomina tre donne al Dicastero per i Vescovi: c’è anche una laica

Il Papa viaggerà con Ita Airways per il suo prossimo volo papale in programma dal 24 al 29 luglio in Canada

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:24
Papa Francesco

Papa Francesco ha nominato tre donne come membri del Dicastero per i Vescovi. Sono suor Raffaella Petrini, Fse, segretario generale del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano; suor Yvonne Reungoat, Fma, già superiora generale delle Figlie di Maria Ausiliatrice, e María Lía Zervino, presidente dell’Unione Mondiale delle Organizzazioni Femminili Cattoliche (UMOFC).

Zervino: “Sogno una Chiesa che abbia donne idonee”

“Posso condividere con lei un mio sogno? Sogno una Chiesa che abbia donne idonee come giudici in tutti i tribunali in cui si trattano le cause matrimoniali, nelle équipes di formazione di ogni seminario e per l’esercizio di ministeri come l’ascolto, la direzione spirituale, la cura della salute pastorale, la cura del pianeta, la difesa dei diritti umani ecc. Per i quali, per nostra natura, le donne sono ugualmente o talvolta meglio preparate degli uomini. Non solo le donne consacrate, ma tutte le donne laiche che in ogni regione del mondo sono pronte a servire!”, scriveva Zervino in una lettera pubblicata in traduzione inglese sulla rivista dei gesuiti statunitensi America e tradotta in italiano da SettimanaNews.it.

“E sogno che, durante il suo pontificato, lei inaugurerà, insieme ai sinodi dei vescovi, un sinodo diverso: il sinodo del popolo di Dio, con una rappresentanza proporzionale del clero, dei consacrati e delle consacrate, dei laici e delle laiche. Non saremo più felici solo perché una donna vota per la prima volta, ma perché molte donne laiche preparate, in comunione con tutti gli altri membri di tale sinodo, avranno dato il loro contributo e il loro voto che si aggiungerà alle conclusioni che saranno messe nelle sue mani. Probabilmente, santo padre, lei ha già questa “carta nel suo mazzo” per mettere in pratica la sinodalità e aspetta solo il momento giusto per giocarla”, aggiungeva Zervino.

Il Papa volerà verso il Canada con Ita Airways

Il Papa viaggerà con Ita Airways per il suo prossimo volo papale in programma il 24 luglio alle ore 9:00 da Roma Fiumicino verso l’aeroporto internazionale di Edmonton, in Canada. Il volo sarà effettuato con un Airbus A330 con la nuova livrea azzurra e per la prima volta il Papa partirà dal Terminal 5 dell’aeroporto Leonardo da Vinci di Roma Fiumicino. L’atterraggio è previsto per le 11:20 ora locale. Lo annuncia una nota di Ita Airways.

Durante il viaggio apostolico, Papa Francesco, dopo la tappa di Edmonton, raggiungerà anche il Québec con partenza il 27 luglio alle ore 9:00 dall’aeroporto di Edmonton e arrivo previsto alle ore 15:05 ora locale all’aeroporto Internazionale di Québec-Jean Lesage. A completamento del viaggio canadese, infine, Papa Francesco visiterà la città di Iqaluit, partendo da Québec alle ore 13:00 del 29 luglio e atterrando all’aeroporto Internazionale di Iqaluit alle 16:05, ora locale. All’aeroporto di Fiumicino, a salutare sottobordo il Pontefice, sarà presente l’amministratore delegato di Ita Airways Fabio Maria Lazzerini e ad accompagnarlo nel suo viaggio ci sarà un equipaggio di 12 persone composto da 3 piloti e 9 assistenti di volo. Il supervisore delle attività di bordo sarà il comandante Massimiliano Marselli con 18.000 ore di volo di esperienza. Con Papa Francesco, oltre alla delegazione pontificia, viaggeranno i rappresentanti della stampa italiana e internazionale. Presente a bordo anche il team Ita Airways dedicato ai voli speciali.

Per Ita Airways è un onore e un motivo di grande orgoglio questo viaggio del Santo Padre – si legge in una nota – una dimostrazione del riconoscimento dei valori della compagnia che mette al centro della sua strategia la sostenibilità come il Santo Padre richiama costantemente nelle sue testimonianze”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.