Papa Francesco visita la tomba di Santa Monica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:20

Tornato nella serata di ieri dal difficile viaggio in Irlanda, Papa Francesco ha reso omaggio all'icona della Vergine Madre di Dio Maria “Salus Populi Romani” nella Basilica Papale di Santa Maria Maggiore. Papa Francesco è molto legato a quest'icona a cui rende omaggio ogni volta che ritorno da un viaggio internazionale. E' andata così anche per il ritorno dopo la visita apostolica che lo ha visto protagonista dell'Incontro mondiale con le famiglie. Il consueto appuntamento ha visto il Santo Padre deporre una corona di fiori sotto l'immagine davanti alla quale si è fermato silenziosamente in preghiera. Papa Francesco è atterrato ieri alle ore 23 all'aeroporto di Ciampino dopo il volo Dublino-Roma terminato il viaggio apostolico che ha visto come tappa finale la messa al Phoenix Park.

Fuori programma

Uscito dalla Basilica di Santa Maria Maggiore, Bergoglio si è reso protagonista di un piccolo fuori programma recandosi nella Basilica di Sant'Agostino, luogo di culto che si trova nel rione romano di Sant'Eustachio. Oggi, 27 agosto, infatti ricorre la memoria liturgica di Santa Monica, la madre di Sant'Agostino d'Ippona. Papa Francesco si è fermato sulla tomba della Santa a pregare.

Le chiese

La Basilica di Sant'Agostino, oltre ad essere il luogo dove è custodito il corpo di Santa Monica, è nota in tutto il mondo per ospitare una delle opere più studiate ed amate del maestro Caravaggio, la Madonna dei Pellegrini. La Basilica risale al XIV secolo e fu scelta dai monaci agostiniani per celebrare messa uscendo dal vicino convento. La Basilica di Santa Maria Maggiore è una delle 4 basiliche papali insieme a San Pietro, San Giovanni e San Paolo fuori le mura. Papa Francesco è molto legato a questo luogo come dimostra il fatto che subito dopo l'elezione la scelse come meta di preghiera. 

Agenda

Il prossimo appuntamento pubblico del Santo Padre sarà l'Angelus di mercoledì 29 in Sala Nervi, all'interno della Città del Vaticano. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.