Papa Francesco in viaggio verso Malta. Il telegramma a Mattarella

Prima di lasciare Santa Marta, il Pontefice ha incontrato alcune famiglie di rifugiati provenienti dall’Ucraina ospitate dalla Comunità di Sant’Egidio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:09
Roma 26/03/2019 - Papa Francesco visita in Campidoglio / foto Samantha Zucchi/Insidefoto/Image nella foto: Papa Francesco (immagine di repertorio)

“Nel momento in cui lascio il territorio italiano per recarmi in visita pastorale a Malta, Paese di luminosa bellezza al centro del Mediterraneo, nonché porto millenario di molteplici approdi e partenze, nella gioia di incontrare i fratelli nella fede e le persone del luogo, a lei Signor Presidente, e all’interno popolo italiano, rivolgo i più cordiali saluti, a cui unisco fervidi auguri di serenità e di pace”. E’ il testo del telegramma che Papa Francesco, nel momento in cui ha lasciato il territorio italiano, ha inviato al presidente della Repubblica Sergio Mattarella. 

Inizia il viaggio apostolico a Malta

Prima di lasciare Casa Santa Marta, Papa Francesco ha incontrato alcune famiglie di rifugiati provenienti dall’Ucraina ospitate dalla Comunità di Sant’Egidio, accompagnate dall’Elemosiniere di Sua Santità. Una delle famiglie era composta da una mamma di 37 anni con due bambine, di 5 e 7 anni, arrivate in Italia da Leopoli circa 20 giorni fa. La bambina più piccola ha subito un intervento cardiologico ed è sotto controllo medico a Roma. Presenti all’incontro anche due mamme di Ternopil, cognate, con i 4 figli, tra i 10 e i 17 anni, ospitati in un appartamento offerto da una signora italiana, arrivati anche loro a Roma poco più di 20 giorni fa. I minori delle due famiglie frequentano la scuola a Roma. L’ultima famiglia presente è arrivata a Roma da tre giorni, passando per la Polonia ed è
composta da 6 persone giunte da Kiev: madre e padre, con tre figli, di 16, 10 e 8 anni, e la nonna di 75 anni. Anche loro vivono in una casa offerta da una signora italiana per l’accoglienza ai profughi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.