Papa Francesco va a trovare Benedetto per gli auguri di Natale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:17

Come due vecchi amici, Francesco e il Papa emerito si sono scambiati gli auguri di Natale ieri pomeriggio, quando il Pontefice si è recato nel monastero Mater Ecclesiae in visita a Benedetto XVI. “Il gesto si inserisce nella semplicità del rapporto quotidiano tra il Santo Padre ed il Papa Emerito” afferma una nota della sala stampa vaticana.
Un gesto ripetuto ogni anno e che non è l’unico in questo rapporto che va ben oltre la cordialità e il “buon vicinato”. Il 17 dicembre Ratzinger aveva mandato un messaggio, alcuni doni e poi aveva telefonato a Francesco per fargli gli auguri per il suo ottantesimo compleanno. Ora Bergoglio ha ricambiato in occasione del S. Natale. L’ultima volta che il Papa si era recato a trovare il suo predecessore in maniera pubblica era stato il 19 novembre, quando aveva raggiunto il monastero Mater Ecclesiae a bordo di un pullmino insieme ai cardinali che erano stati creati nel Concistoro.
Questa sera alle 21.30 il Papa presiederà la grande veglia della notte di Natale, introdotta dalla Kalenda, il canto liturgico che annuncia la nascita del Salvatore. Durante il Gloria un gendarme e un vigile del fuoco deporranno la statua del Bambinello nella mangiatoia del presepe allestito in piazza San Pietro. Domani invece il Santo Padre si affaccerà dalla loggia centrale della Basilica vaticana per impartire la benedizione “Urbi et Orbi” e pronunciare il suo messaggio di Natale. Ieri in un tweet il Papa aveva ricordato che “Il Signore si fa uomo per camminare con noi nella vita di ogni giorno”. E, come aveva detto in diretta durante la trasmissione televisiva Uno Mattina, Dio “si è fatto piccolo in una stalla, con i piccoli, con i poveri, con gli emarginati… La piccolezza. In questo mondo dove si adora tanto il dio denaro, che il Natale ci aiuti a guardare la piccolezza di questo Dio che ha capovolto i valori mondani”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.