Papa Francesco ricoverato al Gemelli per un intervento all’intestino

Il Santo Padre ha subìto un intervento programmato all'intestino, con l'augurio di pronta guarigione da parte di tutti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:43

Il Direttore e la Redazione tutta di In Terris si uniscono agli auguri corali di pronta guarigione a PapaFrancesco. Il Santo Padre questo pomeriggio si è recato presso il Policlinico A. Gemelli di Roma. Qui verrà sottoposto ad un intervento chirurgico programmato per una stenosi diverticolare sintomatica del colon.

L’intervento chirurgico sarà eseguito dal Prof. Sergio Alfieri.

+++Aggiornamento ore 20.25 +++

Non è stato un intervento particolarmente problematico, quello eseguito dal prof. Sergio Alfieri, se non, comunque, per le cautele legate all’età del paziente, 84 anni. E’ il primo ricovero ospedaliero di Jorge Mario Bergoglio da Papa, ora degente al decimo piano del Policlinico universitario, negli stessi locali che ospitarono i sette ricoveri di Giovanni Paolo II. Per questo  l’ala p stata ribattezzata “il terzo Vaticano”. Ed è anche la prima operazione chirurgica dopo quella subita a 21 anni a Buenos Aires per l’asportazione di un lobo del polmone destro, a parte quella in gran segreto di un paio d’anni fa, alla Clinica Pio XI di Roma, per una cataratta.

Francesco ha voluto aspettare l’inizio di luglio, mese in cui come ogni anno riduce gli impegni e interrompe le udienze, per affrontare questo suo nuovo problema di salute, di cui finora in pochi erano al corrente. A quanto si è potuto apprendere, è stato il suo nuovo medico personale, Roberto Bernabei, noto nome della Gerontologia italiana e ordinario di Medicina Interna e Geriatria proprio alla Cattolica, a focalizzare subito dopo la sua nomina, alla fine dello scorso febbraio, che il Papa aveva problemi al colon.

Si è arrivati così, passati alcuni mesi, alla decisione di programmare per oggi l’intervento chirurgico. A posteriori, si comprende anche come mai il Papa, all’Angelus di domenica scorsa, avesse più che in altre occasioni chiesto per sé le preghiere dei fedeli. “In prossimità della festa dei Santi Pietro e Paolo, vi chiedo di pregare per il Papa. Pregate in modo speciale: il Papa ha bisogno delle vostre preghiere! Grazie. So che lo farete”, aveva detto.

Oggi il Pontefice è arrivato intorno alle 15.00 al Policlinico universitario come sempre in forma “anonima”, con la piccola berlina e un seguito ridotto al minimo, non più di due persone. Che tutto avvenisse più o meno senza preavviso è testimoniato dal fatto che personale della sicurezza è stato richiamato all’ultimo momento dalla ferie per presidiare la degenza del Papa, che dovrebbe durare alcuni giorni.

Il messaggio dal Presidente Mattarella

A Francesco sono subito arrivati gli auguri del presidente Sergio Mattarella: “Santità, atterrato a Parigi per la visita di Stato che mi accingo a iniziare nella vicina e amica Francia, ho appreso del suo ricovero al Policlinico Gemelli – è il suo messaggio -. L’affettuoso pensiero degli italiani tutti, di cui mi faccio interprete unendovi il mio personale, accompagna in queste ore vostra santità, unitamente ai più cordiali auguri di buona convalescenza e ancor migliore e pronta guarigione”. E su come lo stesso Bergoglio affronti questa nuova incombenza, molto dice lo spirito disinvolto, confidenziale con i fedeli, bonario e sorridente, con cui si è rivolto alla piazza nell’Angelus di oggi.

Tra l’altro, annunciando che dal 12 al 15 settembre prossimo, “a Dio piacendo”, si recherà in visita pastorale in Slovacchia. La mattina del 12 settembre farà però prima una tappa a Budapest, dove concelebrerà la messa del Congresso eucaristico internazionale. In Slovacchia, ha fatto sapere la Sala stampa, visiterà le città di Bratislava, Presov, Kosice e Sastin. “Ringrazio di cuore quanti stanno preparando questo viaggio e prego per loro – ha aggiunto il Pontefice -. Preghiamo tutti per questo viaggio e per le persone che stanno lavorando per organizzarlo”.

Su un possibile viaggio del Papa a Marsiglia, dove è stato invitato per ottobre, ha parlato invece il cardinale Pietro Parolin durante la sua visita di oggi a Strasburgo. “Ho sentito che ha parlato di questa possibilità ma non ho dettagli sulla questione – ha risposto il segretario di Stato vaticano ai giornalisti -. Penso che non siamo ancora in una situazione di decisione già presa e programmi già fatti”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.