L’esempio di papa Francesco ai vescovi. La cura del creato

Spagna: Cee, il 13, il 20 e il 27 settembre un seminario dedicato alla sfida dell’evangelizzazione e della cura del Creato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
alberi

Domani l’effetto-Francesco rende “green” l’episcopato spagnolo. “La Spagna rurale. Una sfida per l’evangelizzazione e la cura del Creato” è il tema scelto dal dipartimento dell’Ecologia integrale. All’interno della Subcommissione episcopale per l’azione caritativa e sociale. Per il Seminario di ecologia integrale. In programma alla Fundación Pablo VI di Madrid, il 13, il 20 e il 27 settembre. Nel mese dedicato al Tempo del Creato.

Il modello-Francesco

Alla difesa della “casa comune” papa Francesco dedica una parte rilevante del proprio magistero. Il seminario è rivolto principalmente alle commissioni diocesane. Per l’ecologia integrale. Ong. Istituzioni di sviluppo rurale. Caritas. Giustizia e pace. Sacerdoti. Religiosi e religiose di comunità rurali. Si può partecipare al seminario in presenza o in streaming. L’iniziativa, riferisce il Sir, avvia un approfondimento sulla Spagna rurale. Come sfida umana. Ecologica. Ed evangelizzatrice.Francesco

Tre prospettive

A partire da tre prospettive. Il rispetto e la cura del Creato. I valori etici propri delle comunità rurali. Le risorse pastorali e spirituali della comunità cristiane nel contesto rurale. Le tre linee tematiche saranno affrontate con specialisti. Istituzioni ecclesiali. E operatori pastorali impegnati nel mondo rurale. La subcommissione episcopale per l’azione caritativa e sociale è presieduta da monsignor Jesús Fernández. Il presule inaugurerà l’incontro. Mentre la conclusione sarà affidata al segretario generale della Conferenza episcopale spagnola, monsignor Luis Argüello.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.