Papa Francesco, 2 cd con la musica del conclave

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:03

Stamane alle ore 11.30, nell’Aula Giovanni Paolo II della Sala Stampa Vaticana si tiene la conferenza di presentazione del CD “Habemus Papam”, edito dalla Deutsche Grammophon, che raccoglie la musica di tutte le celebrazioni del Conclave del 2013, eseguita dalla Cappella Musicale Pontificia “Sistina” e diretta dal maestro Massimo Palombella, S.D.B.

Per l’occasione intervengono il Card. Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, Mons. Massimo Palombella, S.D.B., maestro direttore della Cappella Musicale Pontificia, P. Federico Lombardi, S.I., Direttore della Radio Vaticana, Dott. Mirko Gratton, Direttore della Divisione Classica Universal. “Due cd che offrono la fotografia di un evento unico. Non siamo andati in studio a re incidere i brani che abbiamo eseguito durante le celebrazioni – racconta monsignor Palombella – ma usando le tracce audio di Ctv e Radio vaticana abbiamo voluto offrire la presa diretta delle liturgie: poco editing per provare a fare assaporare la bellezza di un grande evento di fede”.

In anteprima mondiale, “Habemus Papam”, è un disco digitale con all’interno la straordinaria registrazione dal vivo delle musiche eseguite durante il Conclave per l’elezione di Papa Franceso Bergoglio: dalla Messa per l’elezione del Romano Pontefice all’ingresso in Conclave, fino alla Messa con i Cardinali elettori e alla Messa per l’inizio del Ministero Petrino. Documentazione mai pubblicata in passato, e quindi straordinaria non solo dal punto di vista musicale ma anche dal punto di vista documentale e storico. Nell’album anche l’annuncio della nomina e il primo discorso pronunciato da Papa Francesco subito dopo l’elezione il 19 marzo 2013.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.