Il Papa ai comunicatori sociali del Brasile: “Smascherare le fake news”

Il messaggio del Santo Padre per l'incontro promosso dalla Pastorale della comunicazione della Conferenza nazionale dei vescovi del Brasile

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:52

Essere “strumento di riconciliazione, essere strumento di unità”. Questa, secondo Papa Francesco, “è la missione della Chiesa in Brasile: oggi più che mai!”, mettendo da parte “divisioni e disaccordi”.

Il Santo Padre lo ha scritto nel messaggio, firmato dal segretario di Stato vaticano, card. Pietro Parolin, inviato all’incontro promosso dalla Pastorale della comunicazione della Conferenza nazionale dei vescovi del Brasile, che si è tenuto in modo virtuale il 23 e 24 luglio, con la partecipazione di 5.600 comunicatori sociali, sul tema “Per una comunicazione integrale: l’umano nei nuovi ecosistemi”.

Smascherare le fake news

Il messaggio del Papa è stato letto dal presidente della Cnbb, dom Walmor Oliveira de Azevedo. Francesco ha voluto “trasferire il suo affetto e rivolgere una parola di incoraggiamento a tutti i partecipanti a questo incontro che cerca di trovare nuove vie per promuovere la ‘valorizzazione dell’umano nella comunicazione’”.

Secondo Papa Francesco, riporta il Sir, “i cristiani sono chiamati a essere segno di speranza e solidarietà nella società brasiliana, così colpita dall’attuale pandemia”. In particolare, rivolgendosi a coloro che operano nella pastorale della comunicazione, li ha invitati a “essere in prima linea per promuovere una comunicazione che costruisca ponti, cerchi il dialogo e superi le contraddizioni ideologiche”, ricordando le sue parole nel Messaggio per la 55esima Giornata mondiale delle comunicazioni sociali [qui il testo completo, ndr] dove ha invitato a controllare “le fake news, smascherandole”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.