Al via il viaggio di Papa Francesco a Cipro e in Grecia

Oggi il Papa incontrerà la premier e il Presidente cipriota, oltre al clero e alle autorità religiose locali. E' il 35° viaggio papale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:43
Il logo del viaggio papale a Cipro

Papa Francesco parte oggi, giovedì 2 dicembre, per il viaggio che, fino a lunedì 6, lo porterà prima Cipro e poi in Grecia, con tappa finale all’isola di Lesbo: il 35/o del suo Pontificato, che farà salire a 55 i Paesi visitati da Bergoglio dall’elezione avvenuta il 13 marzo 2013.

Il programma di oggi del Papa a Cipro

La prima giornata prevede oggi a Cipro incontri con il clero cattolico e le autorità istituzionali. Stamane alle 11.00 avrà luogo la partenza – per la prima volta con Ita Airways dopo l’uscita di scena di Alitalia – da Fiumicino per Larnaca, dove il Papa atterrerà alle 15.00 locali, accolto all’aeroporto dalla presidente del Parlamento cipriota, Annita Demetriou.

Trasferitosi nella capitale Nicosia, alle 16.00 Francesco incontrerà nella Cattedrale maronita di Nostra Signora delle Grazie i sacerdoti, religiosi e religiose, diaconi, catechisti, associazioni e movimenti ecclesiali.

Alle 17.15, la cerimonia di benvenuto al Palazzo Presidenziale, seguita dalla visita di cortesia al presidente della Repubblica Nikos Anastasiades, e alle 18.00 dall’incontro con le autorità, la società civile e il Corpo diplomatico. Quindi l’arrivo alla Nunziatura apostolica dove il Pontefice alloggerà in questo suo soggiorno nell’isola divisa: l’edificio è situato nella cosiddetta “terra di nessuno”, zona controllata dalle Nazioni Unite, collocata lungo la “linea verde”, tra le linee militari greco-cipriote e quelle turco-cipriote.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.