L’errore di “colpire il terzo settore” in pandemia

Forum del terzo settore: "Sostenere la solidarietà deve essere una scelta politica tangibile”. Sono oltre 350 mila le organizzazioni non profit italiane in prima linea nelle attività di impegno civico e sociale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
pandemia

E’ universalmente riconosciuto l’apporto sociale del terzo settore in pandemia. Eppure il contributo solidale del volontariato rischia ora di essere ingiustamente penalizzato. “Agli effetti devastanti della crisi derivata dalla pandemia si è aggiunta l’insensibilità della politica. Che, invece di sostenere le attività degli enti del terzo settore, ha voluto colpirli”. È il grido d’allarme al Sir del Forum nazionale del terzo settore. “In questi mesi abbiamo ascoltato più volte parole di apprezzamento per l’opera svolta dal volontariato. Da parte di molti esponenti politici. Dobbiamo purtroppo constatare che non sono seguiti i fatti“. Per questo “ci appelliamo al premier Mario Draghi perché nel 2022 si cambi passo. Altrimenti centinaia di piccole e piccolissime associazioni correranno il rischio di scomparire. E la tenuta sociale del paese si indebolirà in una situazione già di crisi”, afferma Vanessa Pallucchi. Portavoce del Forum nazionale del terzo settore.pandemia

Sussidiarietà in pandemia

Quello che si sta concludendo è stato, infatti, un anno molto difficile per le oltre 350 mila organizzazioni non profit italiane. Associazioni. Organizzazioni di volontariato. Imprese e cooperative sociali. Quotidianamente in prima linea in innumerevoli attività di impegno civico e sociale. Gli effetti della pandemia hanno colpito soprattutto le iniziative legate alla socialità. Alla cultura. All’educazione. Molti enti si sono rapidamente riconvertiti. Per rispondere alle nuove emergenze sociali e sanitarie. Ma altri hanno dovuto chiudere. Per difficoltà oggettive dovute all’impossibilità di continuare a fare sul campo quel lavoro di relazione e coesione nelle comunità. Ma anche per “le incertezze sulle nuove norme e sul regime fiscale”, precisa il Forum del terzo settore. Le regole, cioè, che gli enti dovranno assumere con la riforma del terzo settore. Un ridefinizione normativa del volontariato che “rimane in parte inattuata”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.