Padre Patton inaugura le celebrazioni dell'Avvento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:32

Ha avutoinizio con l’ingresso solenne, il 2 dicembre, in piazza della Mangiatoia e nella chiesa della Natività a Betlemme, di padre Francesco Patton, il tempo di Avvento in Terra Santa. Due giorni di celebrazioni (2 e 3 dicembre) che, secondo quanto riferto dalla Custodia, hanno visto i frati francescani protagonisti con la popolazione cristiana locale. Prima di recarsi a Betlemme, il custode ha come tradizione incontrato i parrocchiani della chiesa di San Salvatore ai quali ha ribadito che i frati sono al servizio di questa comunità e come francescani di Terra Santa abbiamo bisogno della accoglienza, della benevolenza e della comprensione dei cristiani della comunità locale”.

L'ingresso solenne

Prima del tradizionale ingresso solenne a Betlemme, che si svolge tre volte l’anno (per la prima domenica di Avvento, per il Natale e per l’Epifania), il custode, scortato dalla polizia, si è recato al convento di Mar Elias, salutando il sindaco e il parroco di Beit Jala. Poi attraverso il check point israeliano, situato vicino alla Tomba di Rachele, solitamente chiuso e aperto solo per le tre volte dell’ingresso, il custode Patton è entrato a Betlemme dove è stato accolto da tanta gente festante e dagli scout. Tra i presenti anche padre Artemio Vitores, guardiano della fraternità di Betlemme, mons. Giacinto Marcuzzo, vicario patriarcale per Gerusalemme e Palestina, il neosindaco di Betlemme, Anton Salman, e altre autorità civili e religiose. La recita dei Primi Vespri della domenica di Avvento e dell’Ufficio delle Letture con la processione nella Grotta, ha chiuso la parte religiosa dell’ingresso.

L'accensione dell'Albero di Natale

Nel pomeriggio, nella piazza della Mangiatoia, l'accensione dell’albero di Natale, con una grande partecipazione popolare. Sul palco si è esibito famoso cantante di Betlemme, nonché vincitore di Arab Idol, Yacoub Shaheen. Domenica mattina la Santa Messa della prima Domenica di Avvento e della festa di Santa Caterina. Al termine della celebrazione, il custode di Terra Santa ha donato, “come segno di riconoscenza”, la medaglia celebrativa degli 800 anni della presenza francescana in Terra Santa al sindaco di Betlemme e al parroco locale padre Rami Asakrieh.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.