L’obbligo missionario di mantenere vivo il ricordo degli ostaggi del terrorismo

Padre Maccalli ricorda le vittime del terrorismo jihadista: “Davanti a Dio non ci sono figli di serie B”:

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
ostaggi

Appello per gli ostaggi del terrorismo jihadista. “Non dimentichiamoli. Probabilmente fanno parte delle vittime di serie B di un conflitto di serie B. Ma davanti a Dio non ci sono figli di serie B. Viviamo un tempo di zoom e reportage quotidiani sulla guerra in Ucraina. Aiutiamo l’opinione pubblica a non considerare nessuno ostaggio di serie B”. A lanciare l’appello attraverso l’agenzia missionaria vaticana Fides è padre Pierluigi Maccalli. Il sacerdote della Società per le Missioni Africane (SMA)  stato tra le mani di quelle stesse organizzazioni jihadiste dal 17 settembre 2018 al 9 ottobre 2020. terrorismo

Nelle mani de terrorismo

Padre Maccalli esorta a mantenere vivo il ricordo di queste persone. “E’ fondamentale non dimenticare gli ‘anonimi’- sottolinea il missionario-. Sono vittime di violenza e di sequestri da parte del terrorismo jihadista che imperversa nel Sahel“. I nomi di alcuni dei sequestrati “danno un volto e una storia a popolazioni locali che sono oggi ostaggio di sopraffazioni“. Tra loro Christopher Botha, sudafricano. Don Joël Yougbaré, burkinabè. Del quale non si hanno notizie dal 17 marzo 2019. E Don Joel Yougbaré, parroco di Djibo, in Burkina Faso. “Non l’ho mai incontrato- racconta padre Maccalli-. Ho saputo del suo sequestro solo dopo il mio rilascio. Ho potuto telefonare al suo vescovo monsignor Laurent Dabiré, per dirgli tutta la mia solidarietà“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.