Online il portale ufficiale della Pontificia Commissione per la protezione dei minori

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:13

Il Vaticano lancia www.protectionofminors.va, portale ufficiale della Pontificia Commissione per la Protezione dei minori, l’organo voluto dal Papa Francesco per combattere la piaga della pedofilia e diffondere programmi di protezione per le chiese locali. Il sito ha l’obiettivo di informare il pubblico sull’attività svolta dalla Commissione. Trasparenza, del resto, è una delle parole chiave del Pontificato di Papa Francesco.

Protectionofminors è in inglese, ma presto sarà disponibile anche in spagnolo, italiano, portoghese e francese. Oltre a riportare la storia del’organismo e i membri di cui è composto il sito indica le linee guida da seguire per prevenire un fenomeno odioso. La prima è quella dell’ascolto, è importante, spiega il portale: “parlare con le vittime, anche per capire come evitare abusi”. Uno dei gruppi di lavoro della Commissione, infatti, ha l’obiettivo di realizzare progetti e iniziative per migliorare la pastorale nei confronti delle “vittime, delle famiglie e delle comunità di fede ferite da abusi sessuali compiuti nei confronti dei bambini“.

Una parte fondamentale dell’attività di questo organismo poi è finalizzata a “individuare i migliori strumenti educativi riservati a chi serve all’interno della Chiesa“. Il sito ricorda anche l’importanza della preghiera, come strumento per liberarsi, in parte del male subito. “La cura spirituale è centrale, è un importante per aiutare i sopravvissuti e le vittime”. In particolare viene ricordata la richiesta, rivolta al Papa, di creare una Giornata di Preghiera per le vittime degli abusi. Istanza che il Pontefice ha subito girato alle varie conferenze episcopali per l’individuazione di una data.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.