Oggi nelle chiese della Costa d’Avorio si prega per le vittime della violenza politica

In Costa d'Avorio la Chiesa prega per le vittime della crisi post-elettorale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05

“Durante le celebrazioni eucaristiche di domenica 20 dicembre. In tutte le parrocchie della vostra circoscrizione ecclesiastica. I sacerdoti pregheranno per l’eterno riposo delle vittime delle violenze. Preelettorali, elettorali e postelettorali di ottobre e novembre in Costa d’Avorio”, spiega all’agenzia missionaria Fides monsignor Ignace Dogbo Bessi, presidente della Conferenza dei vescovi cattolici della Costa d’Avorio (Ceci).

costa d'avorio
Foto © Legnan Koula per EPA

Appello dei vescovi della Costa d’Avorio

Aggiunge padre Emmanuel Wohi Nin, segretario generale della conferenza episcopale: “Questa iniziativa è stata decisa a seguito di una richiesta del presidente del Partito Democratico della Costa d’Avorio. Il presidente della coalizione delle piattaforme e dei partiti politici dell’opposizione ha chiesto il consenso del cardinale Kutwa, arcivescovo metropolita di Abidjan, per l’autorizzazione di una messa sul territorio nazionale”.

Costa
Foto © Simon Maina per AFP

Per ridonare vita al Paese

Monsignor Ignace Dogbo Bessi, presidente della Conferenza dei vescovi cattolici della Costa d’Avorio (Ceci) evidenzia: “L’episcopato chiede al Signore che, nonostante le perdite dei propri cari, metta in ciascuno la luce e la forza di perdonare. Per ridonare vita al Paese. Ufficialmente 87 persone hanno perso la vita e più di 200 sono rimaste ferite o mutilate durante il processo elettorale. Nelle elezioni che si sono svolte un mese e mezzo fa il presidente Alassane Ouattara ha ottenuto un terzo mandato. Ma la sua vittoria è stata contestata dall’opposizione“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.