Niger, il calvario di un contadino cristiano sequestrato dai fondamentalisti islamici

La testimonianza di un cristiano rapito dai jihadisti in Niger: "Gli ostaggi sono numerosi, musulmani e cristiani. Questi ultimi, contrariamente agli altri, sono legati, battuti e minacciati. I musulmani, invece, sono liberi di muoversi"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
Bomoanga jihadisti

In Niger c’è un calvario ignorato. Quello dei cristiani sequestrati dai jihadisti nella stessa zona dove il 17 settembre 2018 è stato rapito padre Pierluigi Maccalli. A raccontarla all’agenzia missionaria vaticana Fides è il suo confratello padre Mauro Armanino.Niger

Inferno Niger

Il missionario della Società delle Missioni Africane (SMA) opera in Niger. Il religioso riporta la testimonianza sul calvario di un contadino cristiano. “Gli hanno detto di scegliere l’arma con la quale ucciderlo. Il suo machete o il loro kalashnikov- spiega padre Armarino-. Lui ha risposto che mai vorrebbe essere ucciso col suo amato strumento di lavoro. E che preferiva la loro arma. Gliel’hanno dunque puntata contro. E lui ha fatto un segno di croce. Il militante jihadista ha abbassato l’arma. E gli ha chiesto se era cristiano”.Niger

Prigionieri

Prosegue il racconto del religioso: “Alla sua risposta affermativa gli è stato detto che avrebbero dovuto attendere il loro capo. Per prendere la decisione finale. Giunto sul posto dopo qualche giorno il capo lo ha interrogato sull’uso del telefono cellulare. Se aveva chiamato i militari o la polizia perché questo gli sarebbe costato la vita. Ha risposto che lui, povero contadino, non ha contatti coi militari. Ma che aveva semplicemente salutato un amico. Dopo aver controllato il suo cellulare lo hanno risparmiato e condotto fino al gruppo dei prigionieri. Dopo ore di viaggio nella foresta”.Niger

Picchiati e minacciati di morte

Aggiunge padre Mauro Armanino a Fides: “Gli ostaggi erano numerosi, musulmani e cristiani. Questi ultimi, contrariamente agli altri, erano legati, battuti e minacciati. I musulmani, d’altro canto, erano liberi di muoversi. E financo di pregare secondo le ore stabilite. Lui è stato infine rilasciato ed ha camminato per mezza giornata fino al suo villaggio presso la frontiera col Burkina Faso. Era stato arrestato oltre un mese prima. Mentre riportava a casa alcuni rami che aveva tagliato per riparare il suo granaio. I gruppi armati della zona hanno vietato ai contadini di tagliare alberi. Non si tratta di spirito ecologico ma semplicemente di sopravvivenza. Poiché i militanti di questi gruppi trovano riparo in ciò che rimane di una rigogliosa foresta del passato”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.