L’episcopato del Nicaragua: “Stiamo vivendo un altro Esodo”

Il vescovo di Matagalpa: “tante famiglie disgregate da una migrazione che dissangua il paese"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Nicaragua

In Nicaragua la migrazione è un “nuovo Esodo” che impoverisce e dilania il Paese.  Sos all’agenzia missionaria vaticana del vescovo di Matagalpa. Afferma a Fides monsignor Rolando José Álvarez: “Tante famiglie sono disgregate da una migrazione che dissangua il Nicaragua. Ancora una volta i nicaraguensi soffrono la perdita dei nostri migliori fratelli. Uomini e donne. Intelligenti. Audaci. Creativi. Imprenditori. Lavoratori. Della campagna. E della città Giovani. E persino bambini che rappresentano il futuro della nostra patria. Partono carovane complete di fratelli. Nicaraguensi che non hanno trovato nel nostro Paese ciò di cui avevano bisogno per vivere con dignità. E che cercano, anche rischiando la vita, altri orizzonti. È un altro dolore nell’anima. La nostra anima ci fa male per così tanto dolore”.Nicaragua

In fuga dal Nicaragua

Aggiunge il presule: “Il Nicaragua sta vivendo un altro Esodo. Come popolo in cerca di un futuro migliore. Perché gli state chiuse le porte nella propria patria. Migranti. In cerca di asilo, esuli. Rifugiati. Prigionieri. Vogliamo stare insieme: il Nicaragua è di tutti. E tutti abbiamo il diritto di vivere in pace e in libertà. Nella giustizia e nella santità. Tutti come fratelli. Senza esclusioni. Senza nicaraguensi trattati come scarti“.Nicaragua

Appello

Di qui l’ appello dell’episcopato: “Vogliamo vivere senza periferie umane. Si fermi la spirale di violenza contro la famiglia. La famiglia nicaraguense non continui a disintegrarsi. Ogni famiglia, senza distinzione, è espressione della famiglia del Dio Uno e Trino“. Inoltre “il matrimonio è sempre aperto alla vita”, precisa monsignor Rolando José Álvarez. Quindi i figli sono la presenza, l’espressione, la manifestazione dell’amore della coppia che si è sposata”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.