Nelle diocesi siciliane la carità diventa missione tra le fragilità della pandemia

Pasti caldi ai bisognosi nei paesi delle Madonie. L'iniziativa delle diocesi siciliane "Solidarietà e speranza al tempo del Covid-19"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
crisi

Fondamentale è stato il supporto della diocesi di Cefalù. Con l’aiuto dei parroci, infatti, sono state individuate le persone bisognose. I volontari della Croce Rossa hanno distribuito pacchi spesa solidali. Grazie a beni di prima necessità offerti da altri cittadini. Che hanno scelto di donare qualcosa a persone meno fortunate.Diocesi

La solidarietà delle diocesi

Sono stati centinaia i pasti caldi distribuiti. Per l’iniziativa di beneficienza “Solidarietà e speranza al tempo del Covid-19”. In favore di persone sole e famiglie bisognose di alcuni centri del comprensorio madonita. Con la collaborazione di alcune associazioni del territorio. Raccontano i volontari e gli operatori sociali: “Il Covid ha stravolto le nostre vite. Ha cambiato le nostre abitudini. I nostri affetti. Il nostro modo di vivere. Di lavorare. E anche il mondo del volontariato nel suo agire è stato travolto da tutto ciò”.Diocesi

Famiglia

L’iniziativa è nata originariamente per il comprensorio di Campofelice di Roccella. Ad opera della “famiglia dei ristoratori“. E cioè gli chef Angelo Norato, Salvatore Cappadonia, Salvatore Rinaudo e Gaetano Varco. La mobilitazione solidale è stata estesa ad altri centri. Abbracciando Cefalù, Lascari, Collesano e Cerda. Il progetto di assistenza ha coinvolto altri gestori e commercianti del territorio. In tanti hanno provveduto a ogni necessità inerente la buona riuscita dell’iniziativa.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.