Myanmar, la guerra civile non risparmia gli edifici di culto

Nel martoriato paese asiatico una chiesa cattolica occupata e minata dall'esercito

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Myanmar

In Myanmar la Chiesa nel mirino .”Non abbiamo sicurezza. Anche se la giunta militare ha annunciato la volontà di alleggerire le restrizioni alla vita sociale e civile“, racconta Joseph Kung. Cattolico di Yangon. Responsabile di un istituto universitario privato. “A oltre un anno e mezzo dal colpo di stato, la gente è davvero stanca del conflitto. E desidera tornare alla vita normale- prosegue Kung-. Come cattolici, continuiamo a sperare e pregare. Seguendo i vescovi che ci invitano a vivere con fede questo momento di sofferenza e di prova. Ci guidano sulla via della non violenza. Chiedono giustizia e pace“.

Myanmar
Foto © Vatican Media

Persecuzioni  in Myanmar

Il conflitto civile in Myanmar non risparmia il coinvolgimento delle chiese. E di altri edifici di culto. Le truppe dell’esercito regolare del Myanmar hanno occupato per quattro giorni la chiesa cattolica della Madre di Dio. Nella piccola città di Moebye. Nella diocesi di Pekhon (Myanmar centro-orientale). Sono in corso aspri combattimenti nell’area tra l’esercito del Myanmar e le forze di resistenza. Le cosiddette People’s Defence Forces, composte perlopiù da giovani. Che si oppongono alla giunta militare da quando è stato compiuto il colpo di stato, il 1° febbraio 2021. L’agenzia missionaria vaticana  Fides ha raccolto fonti locali. In alcune aree della nazione, come nel Nord, sono in corso forti combattimenti. Tra l’esercito e le forze resistenti. Spesso unite agli eserciti delle minoranze etniche. In altre zone della nazione si registra invece un conflitto a bassa intensità. Sono coinvolte anche le città più grandi. Come Yangon, Mandalay, Pathein. Dove gruppi di giovani attaccano di sorpresa check point militari. Camionette dell’esercito. Posti di polizia.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.