Musulmani in marcia contro il terrorismo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:59

Una marcia contro il terrorismo di matrice islamica. Sono pronti a svolgerla dall’8 al 14 luglio prossimo gruppi di musulmani europei, attraversando le città europee che recentemente sono state teatro di attentati: Berlino, Parigi, Bruxelles, Londra Saint Etienne du Rouvray, Tolosa e Nizza.

Si tratta di una sorta di pellegrinaggio per la pace. All’arrivo in ogni città di quelle elencate, la manifestazione verrà accolta da grandi personalità religiose e della cultura e da alte autorità del Paese accogliente. Ad esempio, a Berlino è prevista la presenza della cancelliera tedesca, Angela Merkel, a Bruxelles ci sarà il primo ministro, Charles Michel, e in Francia il presidente della repubblica, Emmanuel Macron.

Questa iniziativa — spiegano gli organizzatori, come riporta l’Osservatore Romano — è contro il terrorismo islamico, contro coloro che hanno preso in ostaggio l’islam e si permettono di uccidere nel suo nome. Questa marcia permetterà ai musulmani di prendere le dovute distanze dall’islamismo o dal terrorismo islamista.

L’iniziativa è sulla falsariga di una simile che si è tenuta in Germania, a Colonia, la settimana scorsa, con un corteo di musulmani contro il terrorismo con il motto “L’odio rende la Terra un inferno”. Scarsa tuttavia la partecipazione, a causa della mancata adesione da parte della più grande associazione di musulmani del Paese teutonico.

Quella che dovrebbe svolgersi dall’8 al 14 luglio è stata indetta dall’imam di Drancy, Hassan Chalghoumi. L’iniziativa — riferisce AsiaNews — è stata organizzata anche da Eric Gozlan, direttore esecutivo di “Union des Peuples pur la Paix” e dallo scrittore francese Marek Halter.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.