Monsignor Galantino è il nuovo presidente dell'Apsa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:28

Papa Francesco ha nominato monsignor Nunzio Galantino presidente dell'Apsa, l'amministrazione del patrimonio della Santa Sede. il segretario della Conferenza episcopale italiana succede al cardinale Domenico Calcagno, che ha compiuto 75 anni a febbraio e aveva presentato rinuncia all'incarico. 

“La nomina di monsignor Nunzio Galantino a presidente del'Amministrazione del patrimonio della Santa Sede è un grande atto di stima e di fiducia da parte del Santo Padre. Al nostro segretario generale, Papa Francesco affida una responsabilità enorme, in un settore estremamente delicato”, ha dichiarato il cardinale Gualtiero Bassetti, presdente della Cei, commentando la nomina di mons. Galantino. “L'annunzio – ha continuato il porporato – è motivo per esprimere da subito apprezzamento per quanto nella sua veste di Segretario Generale ha fatto a servizio della nostra Conferenza Episcopale. Il cammino condiviso mi ha fatto toccare con mano l'intelligenza e lo zelo con cui ha portato avanti iniziative e attività, spendendosi in modo convinto in particolare per mettere a fuoco alcuni criteri essenziali di rigore nell'elargizione di contributi con fondi provenienti dall'8 per mille. In tal modo, abbiamo reso ancora più rigorose le procedure di tale erogazione, secondo la linea auspicata da tutti i Vescovi per un'amministrazione dei beni della Chiesa secondo chiarezza e trasparenza“.

Monsignor Galantino ha 69 anni ed è stato nominato vescovo il 9 dicembre 2011 da Papa Benedetto XVI. Ha ricevuto la consacrazione episcopale il 25 febbraio 2012 nella Cattedrale di Cerignola dal cardinale Angelo Bagnasco, allora presidente della Cei. Il 28 dicembre 2013, Papa Francesco lo ha nominato segretario generale della conferenza episcopale italiana, lasciandolo per una anno anche vescovo residenziale. 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.