Misericordie, 800 anni di carità: evento il 21 ottobre presso la Santa Sede

La Confederazione nazionale delle Misericordie si presenta all’Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede, il 21 ottobre a Palazzo Borromeo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:19

La Confederazione nazionale delle Misericordie si presenta all’Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede. L’incontro si svolgerà – scrive Redattore Sociale -giovedì prossimo, 21 ottobre, alle 11 a Palazzo Borromeo, sede dell’Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede, l’evento “800 anni di carità: dalla peste al Covid-19. Lo storia del movimento delle Misericordie”.

Accolti dall’ambasciatore Pietro Sebastiani saranno presenti per raccontare la secolare storia del movimento: il presidente della Confederazione Domenico Giani, il ministro della Salute Roberto Speranza, il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, il sindaco di Firenze Dario Nardella, Laura Rossi della Misericordia di Firenze, la prima nata nel 1244, Gianni Letta e Sua Eminenza Cardinal Giuseppe Betori, Arcivescovo di Firenze. Modererà l’incontro la giornalista Rai Lucia Goracci. Sarà occasione per conoscere da vicino il ‘Movimento’ delle Misericordie, la sua storia centenaria nata e rafforzatasi grazie al grande impegno di migliaia di volontari.

Si potrà assistere in diretta all’iniziativa su Telepace sui seguenti canali: Roma canale 73 e 214 HD del digitale terrestre; Verona canali 14 e 187 del digitale terrestre; Veneto e Lombardia canale 187 del digitale terrestre; Trentino Alto Adige canale 13 del digitale terrestre; Emilia Romagna canale 94 del digitale terrestre. Streaming live: https://app.telepace.it/#/diretta. E’ possibile scaricare gratuitamente e seguire attraverso l’APP di Telepace dalle piattaforme google play e app store.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.