Il messaggio del Papa alla Chiesa episcopale di New York

Il videomessaggio del Papa: "Il futuro della fede nel nostro mondo passa per l'unità dei cristiani. L'amore è più forte di tutti i disaccordi"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:54
Papa Francesco (Fonte: Vatican News)

“Il futuro della fede nel nostro mondo passa per l’unità dei cristiani. Sì, non siamo d’accordo in tutto. Sì, abbiamo convinzioni che a volte sembrano incompatibili o sono incompatibili…. Ma è proprio questa la ragione per cui scegliamo di amarci gli uni gli altri. L’amore è più forte di tutti i disaccordi. Porta pace mentre la pace non sembra possibile”. Lo ha detto papa Francesco nel videomessaggio inviato alla Cattedrale episcopale Saint John the Divine di New York, in occasione del lancio della comunità formativa “The Community at the Crossing”.

Il videomessaggio del Papa

“È una grande gioia e consolazione per me stare con voi in questo momento speciale in cui voi, episcopaliani e cattolici, cristiani di denominazioni differenti, persone di buona volontà, vi siete riuniti per il lancio di questa comunità di formazione chiamata The Community At The Crossing – dice il Pontefice nel video in spagnolo riportato da Ansa -. Cari giovani che trascorrerete qui un anno di vita comunitaria, di formazione e di discernimento cristiani, di preghiera, di servizio ai giovani e ai poveri: sarete voi testimoni dell’amore e della tenerezza di Dio. E scegliere il cammino umile della vita comune vale più di mille parole”.

“La mia speranza – afferma ancora il Papa – è che questa comunità offra un’opportunità per rivivere il desiderio di unità dei cristiani e della società di New York e anche negli Stati Uniti. Perciò desidero che continuiate a lavorare insieme in questo per ottenere l’unità – aggiunge Francesco -, e non dimentichiamo che ‘At The Crossing’ evoca la croce di Cristo. Gesù Cristo è un vincolo più forte e più profondo delle nostre culture, delle nostre scelte politiche e persino delle nostre dottrine. Il Signore, il Signore Gesù: guardare a lui che ha dato la sua vita per noi”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.