Messa del cardinal Ravasi per i 100 anni degli scout cattolici

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:19

Gli scout cattolici celebrano un secolo di vita e attività. Per questa ricorrenza così importante domani, domenica 4 dicembre, alle 11, il cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio consiglio della Cultura e della Pontficia commissione di archeologia sacra, celebrerà nella basilica di San Giorgio al Velabro la Santa Messa insieme agli Assistenti ecclesiastici generali delle maggiori associazioni scout italiane. Alla celebrazione parteciperanno i vertici associativi di AGESCI, Scout D’Europa e MASCI.
“La celebrazione – hanno dichiarato i Presidenti delle Associazioni – è stata voluta per ringraziare il Signore del cammino percorso in questo secolo di vita, per ricordare tutti gli scout e le guide defunti, per chiedere che lo Spirito Santo continui ad illuminare le vie dello scautismo cattolico e per pregare affinché Gesù sia sempre presente accanto alle Capo e ai Capi che offrono il loro servizio alle ragazze e ai ragazzi che in Italia vivono l’avventura dello scautismo”.
In questi cento anni lo scautismo cattolico ha contribuito alla crescita umana, spirituale e civile di tanti giovani, accanto alle famiglie che credono nel nostro metodo educativo e alla Chiesa di cui siamo collaboratori fedeli e leali.

L’anno del centenario era di fatto iniziato nel giugno del 2015. Il 13, infatti, Papa Francesco ricevette in udienza a piazza San Pietro circa 100.000 giovani che vivono o hanno vissuto l’esperienza scout. Il messaggio lanciato in quell’occasione fu di “fare bella la Chiesa”, attraverso “azioni sul territorio volte a ribadire la nostra scelta cristiana e la nostra presenza forte nelle parrocchie, il nostro esserci dentro la Chiesa”, come recita il sito creato per l’occasione dall’Agesci.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.