Home Chiesa Cattolica Diocesi di Matera-Irsina, da oggi il personale sanitario ha chi lo ascolta

Diocesi di Matera-Irsina, da oggi il personale sanitario ha chi lo ascolta

Diocesi di Matera: è stato inaugurato stamattina nell’ospedale Madonna delle Grazie uno sportello d’ascolto per il personale sanitario 3 giugno 2021 @ 9:11

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
Matera
Doctors holding samples and talking in hospital, coronavirus concept.

A Matera da oggi il personale sanitario potrà avvalersi di un nuovo supporto. Quello di una psicologa e di un sacerdote. Che è anche consulente familiare. E’ stato inaugurato stamattina all’Ospedale Madonna delle Grazie di Matera, un nuovo sportello di ascolto. Nell’ambito del progetto “Parlami, ti ascolto”.Matera

Matera in ascolto

Lo sportello di ascolto viene gestito in collaborazione con la cappellania dell’ospedale di Matera. E vuole essere “un segno di vicinanza e di gratitudine”. Verso quanti, in condizioni spesso molto difficili, lavorano per curare. E per strappare a morte sicura tante vite umane colpite dalla pandemia. L’iniziativa è già attiva da mesi alla sede cittadina del Movimento Famiglia e Vita. Ed è promossa dal Servizio diocesano di ascolto. Per il sostegno e l’accompagnamento al tempo del Covid-19.Matera

Inaugurazione

L’inaugurazione dello sportello di ascolto in ospedale si è svolta stamattina. Con una preghiera nella cappella del nosocomio “Madonna delle Grazie”. Presieduta dall’arcivescovo di Matera-Irsina, monsignor Antonio Giuseppe Caiazzo. A seguire c’è stata la benedizione dello sportello di ascolto. Ubicato al piano terra nei pressi della stessa cappella. Grazie anche alla sensibilità della direzione sanitaria, spiegano in diocesi, il servizio è stato così attivato. Nelle giornate di venerdì, dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 17, il personale sanitario potrà usufruire di questo supporto.Matera

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.