L’INVITO DEL SANTO PADRE: “DIVENTATE PERSONE DI PACE E CONDIVISIONE”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:27

Nutrirsi dell’Eucaristia significa “entrare in un dinamismo di amore e diventare persone di pace, persone di perdono, di riconciliazione, di condivisione solidale”. E’ quanto affermato da Papa Francesco nel corso dell’Angelus domenicale a piazza San Pietro. La comunione, ha sottolineato, “è assimilazione: mangiando Lui, diventiamo come Lui. Ma questo richiede il nostro ‘sì’, la nostra adesione alla fede”. Talvolta riguardo alla celebrazione eucaristica, ha continuato, capita di sentire questa obiezione: “Ma a cosa serve la Messa? Io vado in chiesa quando me la sento, o prego meglio in solitudine”. “L’Eucaristia – ha spiegato – non è una preghiera privata o una bella esperienza spirituale, non è una semplice commemorazione di ciò che Gesù ha fatto nel’’Ultima Cena”.

Il pane, ha soggiunto, “è realmente il suo Corpo donato per noi, il vino è realmente il suo Sangue versato per noi. L’Eucaristia è Gesù stesso che si dona interamente a noi”. La comunione eucaristica trasforma la vita del cristiano “in un dono a Dio e ai fratelli”: “Nutrirci di quel ‘Pane di vita’ significa entrare in sintonia con il cuore di Cristo, assimilare le sue scelte, i suoi pensieri, i suoi comportamenti”. Dopo l’Angelus, il Pontefice ha rivolto un saluto speciale ai giovani del Movimento Giovanile Salesiano, radunati a Torino per celebrare il bicentenario della nascita di San Giovanni Bosco. Li ha incoraggiati “a vivere nel quotidiano la gioia del Vangelo, per generare speranza nel mondo”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.