L’EGITTO RICORRE ALLA “FATWA” PER AMMETTERE I COPTI NELLE LISTE ELETTORALI

ULTIMO AGGIORNAMENTO 4:00

Ai dirigenti del Partito mussulmano salafita al-Nour è servito il ricorso a una vecchia Fatwa – un parere consultivo emesso da un esperto di legge coranica a un giudice musulmano – per giustificare agli occhi dei dirigenti e dei militanti più rigidi, la presenza di candidati cristiani copti nelle liste elettorali della formazione politica islamista, in vista delle prossime elezioni politiche. La fatwa è stata emessa dallo Sheikh albanese Mohammed Nasreddin al Albani, un importante studioso di legge coranica scomparso nel 1999. Secondo fonti copte la Fatwa – ripresa come punto di riferimento dai leader di al-Nour – giustifica la presenza di battezzati nelle liste di matrice islamista con l’argomento che i cristiani sono considerati meno pericolosi degli atei per l’islam, e rappresentano quindi una sorta di “male minore”.

Sul fronte contrario, in seno alla comunità copta, si discute sull’opportunità di candidare cristiani nelle liste islamiste. Nei giorni scorsi, Nader El-Serafy, candidato cristiano nelle liste di al-Nour – in risposta alle polemiche di chi critica la sua scelta – aveva sottolineato che la Chiesa copta non ha mai condannato la scelta dei cristiani che decidono di militare nei Partiti di ispirazione islamista. A suo giudizio, la presenza di battezzati nelle liste di al-Nour rappresenta “un modello ottimale di esercizio della cittadinanza”, e mostra che le persone di diversa fede religiosa possono coesistere nella stessa formazione politica perseguendo programmi che guardano all’interesse nazionale più che a rivendicazioni particolari.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.