Chiesa Cattolica

La Via Crucis vivente nei drammi sociali del nostro tempo

Una Via Crucis Vivente quella vissuta a Fabriano da migliaia di persone che si sono ritrovate per rivivere la Passione di Cristo. I testi scritti dal parroco della Collegiata Parrocchia di San Nicolò don Aldo Buonaiuto hanno messo a confronto il calvario di Gesù con quello di tante persone che vengono abbandonate e tradite, dimenticate e oppresse.

Foto © Cico

Le stazioni della Via Crucis

Ogni tappa ha espresso un tema sociale come la spaccatura dei rapporti sponsali fino al dramma dell’aborto con la testimonianza di chi è riuscito grazie ad una preghiera ascoltata dinanzi ad un ospedale a cambiare idea. E’ stato affrontato il dramma dei nostri ragazzi adescati dalle droghe così come le tante fragilità dei giovani dei nostri tempi. Il desiderio di un papà disoccupato di dare ai propri figli ogni soddisfazione ma poi caduto nelle mani degli strozzini e poi la forza della Veronica che asciuga il volto del Cristo presentandosi come un operatrice sociale.

Foto © Cico

Non poteva mancare la tappa delle terribili guerre che si stanno consumando attualmente in questo mondo così come il desiderio di fare volontariato aprendo gli occhi alle esigenze della propria città. Il grido di Gesù sulla Croce interpretato da Davidh Stelluti accompagnato dalle note del maestro Marco Santini che con il violino ha suonato il “Cristo delle Marche” da lui composto.

Foto © Cico

Grandi emozioni hanno suscitato anche i due brani suonati dalla fisarmonica elettronica del maestro Diego Trivellini nell’incontro tra Gesù e Maria nel suggestivo palazzo del Potestà e all’ingresso della Chiesa con il Cristo deposto nel sepolcro. Grande emozione poi è stata regalata dal maestro Marco Agostinelli che con il suo flauto dolce “re.corder” sulle note di Schindler List ha commosso la folla in una suggestiva cornice del centro storico.

Foto © Cico

La Banda Cittadina di Fabriano ha eseguito diversi brani lungo il percorso e commoventi sono stati i lettori (Paolo Notari, giornalista Rai, Rosaria Del Balzo, presidente Croce Rossa di Macerata, Michele e Marta Marinelli, e Jacopo Brachetti) che hanno interpretato i diversi drammi proposti nelle meditazioni.

Foto © Cico

L’evento è stato presieduto dall’Arcivescovo Francesco Massara che al termine ha ringraziato tutti i partecipanti sollecitandoli ad essere uniti e impegnati a favore del prossimo. Anche il Sindaco ha ringraziato per la bellissima serata condivisa.

Arcivescovo Francesco Massara. Foto © Cico

Don Aldo Buonaiuto ha poi desiderato ringraziare tutte le Forze dell’Ordine e in particolare l’Arma dei Carabinieri per la presenza in alta uniforme, i parroci della città, l’assessore regionale Chiara Biondi e tutte le autorità civili e militari presenti.

Foto © Cico
Manuela Petrini

Recent Posts

San Vladimiro il Grande, ecco perchè viene chiamato “Isoapostolo”

San Vladimiro il Grande, Kiev (Ucraina), 966 ca. - Kiev, 15/07/1015 E' il figlio illegittimo…

15 Luglio 2024

Il primato della grazia nel Magistero pontificio

L'attenzione spirituale nasce dal primato della grazia. L’evangelizzazione per il Papa non ha nulla a…

15 Luglio 2024

Senza welfare non c’è politica sociale europea. La tutela necessaria

Tutela europea per i diritti sociali. Non c'è giustizia senza equità. In senso lato per…

15 Luglio 2024

Disturbo Arfid: natura, cause e soggetti coinvolti

Il rifiuto dei bambini verso alcuni cibi, oggi un fenomeno in crescita nei Paesi occidentali…

15 Luglio 2024

La ferita della democrazia difficile da rimarginare

L’orecchio ferito di Donald Trump – a un centimetro appena dalla morte e dalla seconda…

15 Luglio 2024

L’impegno per rendere il web accessibile

L'accessibilità web è un tema cruciale che va oltre l'uso dei tradizionali screen reader, includendo…

15 Luglio 2024