La Chiesa verso la Giornata Missionaria Mondiale

L'azione missionaria nel video che utilizza il claim #WeAreStillHere, "Siamo ancora qui". La mobilitazione del 18 ottobre

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05

Verso la Giornata Missionaria Mondiale la Direzione nazionale delle Pontificie Opere Missionarie in Australia collega numerose esperienze missionarie. Testimonianze da 25 paesi del mondo, che parlano una varietà di lingue e culture, in un video che utilizza il claim #WeAreStillHere, “Siamo ancora qui”.

Vocazione missionaria

Spiegano a Fides i promotori dell’iniziativa missionaria: “Solo quattro parole (Noi siamo ancora qui) costituiscono un semplice messaggio di grande impatto. Vogliamo dire che ai più bisognosi viene ancora offerto il miglior sostegno materiale, spirituale e pastorale possibile, durante l’attuale emergenza globale. I missionari di tutto il mondo continuano a dedicare tutta la loro vita alle loro comunità. Vvendo e testimoniando il Vangelo e l’amore di Cristo al servizio al prossimo”.

Mille volti

Mille volti per la missione. Questo spirito esprime l’universalità della missione della Chiesa e la chiamata di tutti i battezzati a essere “inviati” ad annunciare e testimoniare il Vangelo. “Catholic Mission”, prodotto da “Catholic Mission”, e condiviso con le Pontificie Opere Missionarie di tutto il mondo, il video è ispirato alle parole di Papa Francesco. Ed è parte della campagna di sensibilizzazione globale, lanciata nell’ambito del mese di ottobre, il “Mese missionario”, e in vista della Giornata Missionaria Mondiale, il 18 ottobre. L’Ottobre missionario è un momento in cui i cattolici di tutto il mondo si uniscono per sostenere e celebrare l’opera missionaria della Chiesa. In tal senso “Catholic Mission, insieme con la rete internazionale delle Pontificie Opere Missionarie, è “al fianco di alcune delle persone più vulnerabili del mondo”, precisa a Fides il direttore nazionale di “Catholic Mission”, padre Brian Lucas.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.