Issato l'albero di Natale in piazza San Pietro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:22

E' alto 23 metri, ha un diametro al petto di 50 centimetri e pesa 4,5 tonnellate. Sono questi i numeri del grosso abete rosso, proveniente dal territorio di Pordenone e donato dalla Regione Friuli Venezia Giulia, che è stato issato – accanto all'obelisco e al presepio – questa mattina, come si vede dalle immagini trasmesse dalla webcam online che inquadra piazza San Pietro.

L'albero è arrivato a Roma vivo nella notte tra lunedì 19 e martedì 20 novembre dopo un viaggio di 600 chilometri dal pordenonese fino alla Capitale. Le operazioni di addobbo dell'abete dovrebbero iniziare oggi e saranno portate avanti dallo staff del Servizio Giardini, guidato dal giardiniere del Papa, Rafael Ignacio Tornini. La cerimonia di illuminazione dell'albero di Natale in piazza San Pietro si svolgerà il prossimo 7 dicembre, alle ore 16.30; le luci rimarranno accese fino al 13 gennaio

Gli altri alberi

Lunedì 26 novembre invece, arriveranno nella Città Eterna altri 50 alberelli più piccoli donati da alcuni Comuni del comprensorio di Pordenone, da relatà industriali del territorio friulano e da altri enti ed istituzioni. Su goni alberello sarà apposto un cartoncino recante il logo dell'iniziativa e delle realtà partner. 

Quello destinato a Casa Santa Marta, dove risiede Papa Francesco, è stato donato dai detenuti della Casa Circondariale di Pordenone. E' invece offerto dall'Unione Industriali di Pordenone, dalla Fondazione CRO di Aviano e dalle suore del Monastero della Visitazione di San Vito al Tagliamento, l'esemplare destinato al ex-monastero Mater Ecclesiae, nei Giardini Vaticani, oggi residenza del Papa Emerito, Benedetto XVI.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.