Sacramenti alle persone con disabilità. L’iniziativa vaticana #IamChurch

In cinque video la sfida quotidiana delle persone con disabilità. "Lungi dal sentirsi un peso o uno 'scarto'- spiegano i promotori- portano il proprio contributo dentro le loro comunità ecclesiali. Non senza un sorriso"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
down
Il dicastero vaticano dei Laici Famiglia e Vita ha promosso l’iniziativa #IamChurch. Per raccontare in cinque video la sfida quotidiana delle persone con disabilità. “Lungi dal sentirsi un peso o uno ‘scarto’- spiegano i promotori- portano il proprio contributo dentro le loro comunità ecclesiali. Non senza un sorriso”. Nel suo messaggio per la Giornata internazionale delle persone con disabilità, Francesco afferma: “Nessuno può rifiutare i sacramenti alle persone con disabilità”. Avere “Gesù per amico è la più grande delle consolazioni”.iniziativa

Iniziativa vaticana

#IamChurch è un viaggio attraverso cinque video. Alla scoperta di donne e uomini troppo spesso vittime della cultura dello scarto, riferisce Vatican news.  E che, invece, testimoniano un’umanità sorridente, propositiva, allegra. Il volto attraente della Chiesa. Racconta Serena, una delle protagoniste dell’iniziativa: “Gesù mi ha sempre accompagnato e continua a farlo nonostante difficoltà e momenti bui. E condivide con me cose belle ed esperienze. Gesù è il mio amico, l’incontro giornaliero che è con me, che è accanto a me. E non mi lascia mai”.  Secondo Francesco “una speciale attenzione è da riservare alle persone con disabilità che non hanno ancora ricevuto i sacramenti dell’iniziazione cristiana. Esse potrebbero essere accolte e inserite nel percorso di catechesi. In preparazione a questi sacramenti. La grazia di cui essi sono portatori non può essere preclusa ad alcuno“.
Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.