India, assistenza cattolica a chi soffre per la pandemia

Visitare i malati e amare i poveri nel nome di Gesù. L'impegno del volontariato cattolico nell'emergenza Covid

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
India

In India i cattolici si mobilitano per fronteggiare la pandemia. Selma Barreto presiede  la “Goa Catholic Nurses Guild”. L’associazione di infermiere porta avanti un vasto impegno di volontariato nell’emergenza Covid.India

Volontarie in India

Visitare i malati. Portare conforto ai sofferenti e sollievo ai poveri. Nel nome di Gesù. E’ la missione di un gruppo di infermiere di Goa. Da volontarie si recano in orfanotrofi. Case per anziani. Villaggi di poveri e bisognosi. Testimoniando lo speciale annuncio di speranza. Consolazione. Salvezza del Vangelo. “Essere infermiere è una vocazione– raccontano all’agenzia missionaria vaticana Fides-. Ci prendiamo cura dei pazienti. Nel loro dolore. Nella loro ansia e paura. La nostra missione è assisterli. E consolare i parenti. Leggiamo con loro la Parola di Dio. Per dare speranza e coraggio nei momenti di disperazione. È il nostro modo di raggiungere gli altri. Con il messaggio di Gesù”.India

Bibbia in Hindi

Le infermiere normalmente lavorano in cliniche e ospedali. E promuovono questa attività caritativa e missionaria nel loro tempo libero. Pregano con i pazienti e i loro parenti solitamente di notte. Mettono a disposizione una Bibbia in Hindi (lingua nazionale). Marathi (lingua del vicino stato di Maharashtra). E Konkani (lingua locale). Per la preghiera e la lettura. Facendosi carico di distribuire bibbie tra i parenti dei pazienti. Al Goa Medical College, le infermiere organizzano sessioni di visite mediche dedicate a gruppi di poveri e anziani. E quando si recano nelle case per anziani, forniscono pasti e vestiti per i presenti.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.