INDIA: 100 GIORNI DI PELLEGRINAGGIO PER PROMUOVERE LA PACE INTERRELIGIOSA

ULTIMO AGGIORNAMENTO 3:15

È iniziato a Varanasi (in India, nell’Uttar Pradesh, al confine col Nepal) il Pellegrinaggio per la pace denominato Tyagarchana Shanti Yatra (Tsy). Un’iniziativa nata per promuovere la cooperazione interreligiosa e l’armonia tra le diverse comunità della più popolata unità amministrativa del mondo. Sotto la guida di Swami Sachidananda Bharathi, presidente dell’associazione interreligiosa Tyagarchana Shanti Mission (Tsm), i partecipanti cammineranno per 100 giorni, toccando circa 125 città in tutto lo Stato indiano.

Ad accompagnarli ci saranno anche i membri del Dharma Bharathi Navsrishti International e gli artisti del Prerana Kala Manch, compagnia teatrale del centro culturale cristiano Vishwa Jyoti Communications. La prima fase del pellegrinaggio è iniziata il 15 agosto scorso – nel 68esimo anniversario della Festa dell’indipendenza – con il “Tyagarchana Mahayagya”, vale a dire con quattro ore di digiuno e preghiera.

L’Uttar Pradesh è stato scelto come unica meta del pellegrinaggio perché, solo nel 2013, vi si sono verificati oltre 250 casi di violenza di matrice religiosa, soprattutto tra indù e musulmani. Inoltre, il prossimo anno si terranno le elezioni dello Stato e il timore è che il mondo politico possa usare la religione per polarizzare ancora di più la società. Padre Anand, coordinatore della manifestazione pacifica, nel comunicato ufficiale spiega che “È per questo che è fondamentale preparare i comuni cittadini sulla necessità di mantenere la pace e l’armonia in ogni situazione di crisi”. Durante il pellegrinaggio si terranno manifestazioni, seminari, programmi culturali e veglie di preghiera. Proprio per dare maggior risalto al messaggio di unità e amicizia, spiega il missionario, “Questi eventi si terranno in scuole, istituti educativi e nelle piazze pubbliche di villaggi e città”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.