Domani in Romagna tornano gli incontri sull’anno pastorale

Alla diocesi di Forlì-Bertinoro, tornano gli “incontri di Coriano”. Domani l' apertura con il vice presidente Cei, monsignor Erio Castellucci

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
Incontri

Sarà possibile seguire gli incontri anche in diretta streaming. Sui canali Youtube e Facebook della diocesi di Forlì-Bertinoro. Tornano gli “incontri di Coriano”. Per approfondire i contenuti dell’anno pastorale. Primo appuntamento domani alle 20.45 con monsignor Erio Castellucci. Arcivescovo di Modena-Nonantola e Carpi. Il vicepresidente della Cei parlerà di “un cammino sinodale per una Chiesa da rinnovare”. Incontri

Temi degli incontri

Nell’anno pastorale che sta iniziando l’attenzione è concentrata su due temi principali. Il cammino sinodale che Papa Francesco ha chiesto alla Chiesa italiana di compiere. E  l’annuncio della fede. Attraverso la catechesi per bambini. Ragazzi. Adulti. La sinodalità è etimologicamente il “camminare insieme”. Uno stile. Da coltivare sempre e con determinazione. Perché “corrisponde alla natura della Chiesa“, spiega il vicario generale monsignor Enrico Casadei. Al tema della catechesi sarà dedicato il secondo incontro lunedì 11 ottobre. Con l’intervento di don Michele Roselli. Direttore dell’Ufficio catechistico della diocesi di Torino. Sul tema “Capaci di futuro. La catechesi degli adulti e delle nuove generazioni. Alla ricerca dell’essenziale”.

Lavori di gruppo

Lunedì 18 ottobre si continuerà con i lavori di gruppo nei vicariati. E lunedì 25 conclusione con il vescovo Corazza, che presenterà gli “Orientamenti pastorali per il nuovo anno”. Gli incontri saranno trasmessi dalla chiesa di Coriano.E potranno essere seguiti in presenza dai direttori degli uffici pastorali. Dai membri dei consigli diocesani. Delle Consulte delle aggregazioni laicali. E degli organismi socio-assistenziali.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.