In marcia verso la casa di Maria

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:19

Tutto è pronto per il pellegrinaggio mariano da Macerata alla Santa Casa.Il piano per la sicurezza al quale hanno lungamente lavorato le autorità e i volontari dell’organizzazione è stato varato. I parcheggi sono pronti per accogliere le centinaia di pullman e le tante auto dei pellegrini. Bus navetta gratuiti assicureranno il trasferimento allo stadio. E poi, dopo la Messa, via nella notte, verso la casa di Maria, che sarà raggiunta all’alba di domenica, Anche quest'anno Comunione e Liberazione promuove il pellegrinaggio notturno da Macerata a Loreto.Tremila volontari, giovani e adulti, arrivati da più parti d'Italia saranno impegnati per la 41°edizione del Pellegrinaggio a piedi Macerata-Loreto, in programma sabato 8 giugno. Da tempo sono al lavoro la segreteria, punto di riferimento per le adesioni e le informazioni utili per pellegrini e volontari, ed un Comitato, composto dai responsabili dei vari servizi. Molti i servizi e le mansioni che vengono affidate. L'allestimento dello stadio, dove viene celebrata la messa prima della partenza dei pellegrini, è curato da un gruppo di almeno 100 volontari. Allo stadio ci saranno altri 40 volontari per l'accoglienza degli ospiti, personale di segreteria nei punti info per le adesioni e per gli accrediti stampa, 315 nel servizio liturgia (ministri dell'eucarestia, accompagnatori, diaconi e collaboratori).

Le origini del pellegrinaggio

Monsignor Giancarlo Vecerrica, vescovo emerito di Fabriano-Matelica e ideatore della marcia Macerata-Loreto, rievoca come “il nostro esordio risale alla metà di giugno del 1978 e pochi mesi dopo fu eletto Papa Karol Wojtyla”. A settembre del 1979 il nuovo Pontefice si recò in visita a Loreto, spiega il presule marchigiano: “Per accogliere il Papa organizzai una veglia di 2mila giovani, arrivammo a piedi di notte poi recitammo il Rosario nel piazzale della Basilica e dopo aver celebrato la messa il Papa uscì il pomeriggio in piazza e ci trovò lì in preghiera”. E, continua il vescovo, “a un certo punto sento un grido: “Vecerrica dal Papa”, quindi scavalco le transenne e sporco di terra per la marcia notturna mi trovo davanti Giovanni Paolo II che mi stringe forte e dice: “Quella dei giovani è la realtà che più mi sta nel cuore”, poi mi guarda dritto negli occhi e aggiunge: “D’ora in poi questi ragazzi li devi coltivare uno per uno”. Pochi minuti dopo mi ritrovai davanti alla fontana del piazzale con gli amici che mi avevano aiutato a organizzare la veglia di preghiera per la visita papale e ci siamo detti che dovevamo raccogliere il mandato del Papa e tenere fede all’impegno preso con lui”. Monsignor Vecerrica ha poi saputo dall’organizzatore delle Giornate mondiali della Gioventù, Marcello Bededeschi, che quando venivano ideate le Gmg e si voleva creare qualcosa per i giovani Giovanni Paolo II disse: “Andate un po’ a vedere come fa quel prete del pellegrinaggio Macerata-Loreto”.

La macchina organizzativa

Il servizio d'ordine impegnerà più di 350 volontari per accogliere ed indirizzare i pellegrini. Prima della messa faranno il loro ingresso allo stadio i 25 podisti che mercoledì 5 giugno, in piazza San Pietro, al termine dell'udienza generale, riceveranno da papa Francesco la Fiaccola per la Pace: prima di giungere allo stadio di Macerata attraverserà Vitorchiano, Terni, Assisi, le zone terremotate (Camerino e San Severino Marche), Osimo. Sono 35 le persone impegnate tra accompagnatori, speaker e podisti di varie società sportive, provenienti soprattutto dalle Marche, dalla Puglia e dall'Umbria. Lungo il cammino sarà attivo un servizio di illuminazione e amplificazione che impegnerà circa 180 volontari suddivisi in 16 squadre, con ponti mobili che potranno assicurare anche una diretta radio. Duecento i volontari impegnati a San Firmano nella preparazione e distribuzione dei flambeaux.  ltri 100 accoglieranno i pellegrini per una breve sosta di ristoro con dolci e bevande calde all'alba di domenica mattina. Il servizio sanitario impegna 500 volontari soccorritori, oltre 40 medici, 40 ambulanze, di cui 9 medicalizzate. Allo stadio è presente una postazione medica avanzata con oltre 20 squadre di soccorritori, 3 ambulanze, e medici rianimatori e 10 medici di supporto. Ad ogni chilometro del percorso è presente una postazione mobile con alcuni pulmini (40 in totale) e ci saranno punti di primo intervento all'interno della Basilica della Santa Casa, sotto i porticati e nella piazza del Santuario, una postazione medica avanzata a Porta Marina e ai parcheggi EurHope e Palacongressi. Collaborano varie associazioni di volontariato e l'Unitalsi, che accompagna i pellegrini disabili. Infine 50 volontari per il servizio stampa, foto e social media. Rafforzato il piano di sicurezza in collaborazione con gli organi di controllo (Prefetture, Questure, Vigili del Fuoco). Per il Pellegrinaggio 2018 il totale delle spese sostenute è di 235 mila euro. La manifestazione, sottolineano gli organizzatori, è resa possibile dalla disponibilità dei volontari, ma anche dal contributo economico di enti, sponsor i e soprattutto di chi vi partecipa (40%) del totale. C'è anche l'opportunità di destinare e il proprio 5×1000 all'Associazione «Amici del Pellegrinaggio Macerata-Loreto». Ad oggi sono circa 150 i pullman iscritti; per il giorno dell'evento se ne attendono almeno 300. Le regioni con un maggior numero di adesioni sono Marche, Lombardia, Veneto, Toscana, Emilia Romagna, Puglia, Abruzzo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.