In Cile la Quaresima “per credere e testimoniare un tempo nuovo”

In Cile una Quaresima di conversione, purificazione e speranza. L'episcopato ricorda alla popolazione il valore della partecipazione alla vita religiosa e civile come cammino di condivisione di Ideali e solidarietà

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05

Nel messaggio per la Quaresima l’episcopato del Cile ricorda che questo è “un anno di importanti decisioni per la vita del Paese”. E che ogni connazionale deve essere protagonista”. La popolazione, evidenziano i vescovi cileni, è chiamata a “partecipare attivamente” E, nella vita pubblica, ad essere informata su ciò che riguarda “le elezioni, i progetti e i programmi dei candidati“.Cile

Cile in cammino

Scrivono i vertici cileni nel messaggio rilanciato da Fides: “La Quaresima è un cammino per credere e testimoniare un tempo nuovo. Così aiutiamoci con i nostri atteggiamenti personali, familiari e civili. Perché le giovani generazioni continuino a credere nel Cile. E nei valori umani e cristiani che nel corso della storia hanno ispirato la nostra società”.

In pandemia

Il Comitato Permanente della Conferenza Episcopale del Cile sottolinea l’imposizione delle ceneri. Con cui inizia questo tempo liturgico. Invitando a partecipare di persona o da remoto. Secondo le disposizioni relative alla pandemia. Per “vivere questo profondo segno di umiltà. Senza minacciare la nostra salute o quella degli altri”. fraternità

Conversione

“Questo tempo di conversione ci invita a rinnovare la nostra fede e la nostra speranza– avverte l’episcopato cileno-. E’ anche un tempo di purificazione e penitenza per il dolore causato con i nostri peccati. I Pastori della Chiesa chiedono ancora una volta perdono a Dio e ai nostri fratelli e sorelle che sono stati abusati, maltrattati, esclusi o ignorati da alcuni dei loro ministri. L’ultimo anno è stato difficile per tutti. La pandemia di Covid-19 ha evidenziato la nostra fragilità”.

Carità e vicinanza

Evidenziano i presuli: “Dobbiamo piangere i gravi danni alla salute di molte persone. Tra cui molte che hanno perso la vita. Abbiamo anche subito le sue gravi conseguenze sociali che diventano più drammatiche tra i più vulnerabili”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.