In Bulgaria un incontro ecumenico per le vittime del comunismo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:47

Cattolici ortodossi e protestanti insieme in Bulgaria per ricordare i cristiani perseguitati dal comunismo. L’incontro è previsto per il 15 novembre giorno della festa dedicata ai martiri bulgari (denominata “Beati gli afflitti perché saranno consolati”). Un summit di dialogo e preghiera che si terrà nel santuario di Belene dedicato proprio al beato martire Eugenio Bossilkov fucilato nel carcere di Sofia dal regime comunista nel 1951.

Alla tavola rotonda “Testimoni della fede durante il regime comunista” parteciperanno il presidente della Repubblica Rossen Plevneliev, il metropolita ortodosso Grigorij di Veliko Tarnovo, il presidente della Conferenza episcopale bulgara mons. Hristo Proykov, il nunzio apostolico mons. Anselmo Pecorari e il pastore Bedros Altunian, presidente dell’Unione evangelica.

“Abbiamo voluto allargare le celebrazioni a livello ecumenico ricordando le parole di san Giovanni Paolo II sull’ecumenismo dei martiri, ‘forse il più convincente’ – spiega il rettore del santuario, padre Paolo Cortesi – sull’isola di Belene fino al 1989 funzionava un campo di concentramento, dove sono state recluse decine di migliaia di innocenti. È importante raccogliere la loro testimonianza”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.