Il tribunale indiano vieta i sacrifici animali, “pratica crudele e barbara”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:57

Un tribunale dell’India ha vietato una lunga tradizione quella cioè di sacrificare animali per motivi religiosi, ritenendo la pratica crudele e “barbara”. L’Alta Corte di Himachal Pradesh ha chiesto alla polizia e ad altri funzionari di far rispettare il divieto di macellazione di capre principalmente in templi indù in tutto lo stato. Il tribunale ha deciso che “nessuna persona sacrificherà qualsiasi animale in qualsiasi luogo di culto. Il divieto comprende terreni e gli edifici adiacenti nei quali migliaia di animali vengono sacrificati ogni anno in nome del culto”. La corte ha anche messo in dubbio le ragioni alla base dei sacrifici di animali, dicendo che questi rituali “devono cambiare in un epoca moderna”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.