Il ricordo della prima donna ordinata sacerdote

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

La scorsa settimana la Chiesa anglicana ha celebrato i venticinque anni dall’ordinazione della prima donna al sacerdozio. L’evento si è tenuto a Lambeth Palace, residenza dell’arcivescovo di Canterbury, Justin Welby, che era ovviamente presente insieme a molte delle prime donne ad essere ordinate nel 1994 (compresa la prima in assoluto, Angela Berners-Wilson) e ad alcuni laici che furono attivi nella campagna per rendere il sacerdozio accessibile anche al gentil sesso.

Le parole della prima donna sacerdote

“Molti di coloro che sono qui oggi sono stati pionieri nel capire cosa significa essere una donna ordinata nella Chiesa d’Inghilterra, non solo per se stessi e le loro comunità, ma per tutto il Corpo di Cristo. Oggi rendiamo la testimonianza di coloro che hanno aperto la strada nel 1994, oltre a sostenere coloro a cui è stata aperta da allora la via per il ministero”, ha detto Welby. La Berners-Wilson ha dichiarato: “È stata una cosa incredibile essere la prima donna ad essere ordinata al sacerdozio nella Chiesa d’Inghilterra”. La reverenda ha affermato di provare un sentimento di “grande gratitudine” perché “dopo un periodo di prova di quindici anni come diaconessa, poi come diacono”, venticinque anni fa arrivò infine l’ordinazione. 

Un pensiero alle donne con la vocazione al sacerdozio

Presente anche il vescovo Barry Rogerson, che il 12 marzo 1994 ordinò nella cattedrale di Bristol la Bernes-Wilson. “Negli ultimi 25 anni anni ho osservato il contributo innovati e positivo che hanno dato le donne sacerdote nelle parrocchie, ma anche nelle cappellanie; negli ospedali e ospizi, nelle scuole, università e carceri. Forse oggi potremmo rivolgere un pensiero a tutte quelle donne, in tutto il mondo, le cui vocazioni al sacerdozio non sono state ancora riconosciute e testate”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.