Il Papa sarà in Turchia a fine novembre

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:39

Dopo le ipotesi e gli interrogativi che si sono rincorsi nei giorni scorsi è ormai ufficiale: Papa Francesco si recherà in Turchia “negli ultimi giorni di novembre”, sebbene siano ancora da preparare e definire durata e programma del viaggio stesso. Lo ha dichiarato il direttore della Sala Stampa della Santa Sede padre Federico Lombardi. Questa mattina il Vaticano ha ricevuto la lettera di invito ufficiale al Pontefice da parte del presidente della Turchia, Recep Tayyp Erdogan. Il vescovo di Roma sarà accolto dalle autorità ad Ankara il 29 novembre, mentre sarà ricevuto ad Istanbul da Bartolomeo I, patriarca ecumenico di Costantinopoli, il 30 novembre, giorno della festa di Sant’Andrea, patrono della Chiesa d’Oriente.

Intanto la presidenza della Conferenza Episcopale Italiana comunica con una nota una nuova iniziativa, alla vigilia della terza Assemblea Generale Straordinaria del Sinodo dei Vescovi, in programma a Roma dal 5 al 19 ottobre, dedicato a “Le sfide pastorali sulla famiglia nel contesto dell’evangelizzazione”. Si tratterà di un “momento pubblico di preghiera e di riflessione”, dalle 18 alle 19.30 di sabato 4 ottobre in Piazza San Pietro, che culminerà nell’intervento di Papa Francesco. L’iniziativa, si legge nel comunicato Cei, “intende manifestare l’attenzione della Chiesa italiana attorno a una tematica tanto decisiva quale quella della famiglia, nucleo vitale della società e della stessa comunità ecclesiale. Di qui la volontà di accompagnare i lavori dell’Assemblea sinodale, invocando su di essa la luce dello Spirito Santo”. All’evento, ripreso dal Ctv, trasmesso in diretta da Tv2000 oltre che da altre televisioni cattoliche, parteciperanno anche i Padri sinodali.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.