Il Natale in Malaysia unisce cristiani e musulmani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:12

Il ministro per lo Sviluppo rurale Datuk Radin Malleh ha aperto le celebrazioni delle feste natalizie puntando sulle piccole realtà di condivisione di cui spesso non si parla: “Una festa come quella di Gaya Christmas, altro non è che una testimonianza delle buone relazioni fra persone di fede ed etnia diverse. È la conferma che persone provenienti da ambienti diversi capiscono l’importanza di dar vita a una sola famiglia in Malaysia, fatta di legami saldi”.

Per l’edizione 2014 della festa è stato scelto il motto “La Stella della grande gioia” per ricordare che il Natale viene a donare la gioia attraverso la comunione e l’unione tra i popoli. Nello Stato di Sabah la festa di Gaya Christmas è uno degli eventi più importanti e significativi dell’anno in cui si incontrano persone di razza, fede e cultura diverse ed è caratterizzata da canti, balli ed esibizioni di cibo e prodotti locali.
Malleh spiega che la “stella”, che è anche “il principe della pace”, con la sua nascita che “celebriamo a Natale” diventa fonte e premessa di “grande gioia e di pace” per le persone di buona volontà.

Ogni anno in occasione delle festività natalizie vengono raccolti fondi per le opere di solidarietà nel terriotorio Malaysiano, in questa edizione parte dei proventi della raccolta fondi saranno destinati all’asilo di Paitan, una struttura gestita dalle suore francescane dell’Immacolata Concezione. Queste iniziative permettono ai fedeli di confessioni diverse di unirsi in unico progetto, con l’obiettivo di aiutare i più bisognosi. Nella cerimonia d’apertura dell’evento che si è tenuta il 9 dicembre, l’arcivescovo di Kota Kinabalu mons. John Wong ha benedetto il nuovo tempo di festa e ha pregato affinché il Gaya Christmas diventi sempre più occasione di unità, armonia e prosperità per la città e tutta la nazione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.