Il cardinale Van Thuan, maestro di speranza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 2:35

Si svolgerà mercoledì 13 giugno a partire dalle 15.30 presso la sala Sisto V della Pontificia Facoltà Teologica “San Bonaventura” Seraphicum, a Roma, il primo Convegno internazionale del FIATS, il Franciscan Institute for Asian Theological Studies, promosso per celebrare il primo anniversario dell’attribuzione del titolo di “venerabile” al cardinale vietnamita François Xavier Nguyên Van Thuan (1928-2002).

Speranza, eucaristia, perdono, amore: riflessione sulla spiritualità evangelica ‘asiatica’ del venerabile card. Van Thuan per oggi” è il tema scelto per approfondire la figura di questo eroico sacerdote rimasto prigioniero dei Viet Kong per 13 anni, di cui 9 in isolamento, dopo la sua nomina a vescovo di Saigon.

Dopo l'introduzione di padre Dinh Anh Nhue Nguyen (OFMConv), preside della Facoltà, fondatore e direttore di FIATS, ci saranno relazioni e dibattito: Stéphane Oppes (OFM), professore straordinario della Pontificia Università Antonianum, interverrà su “Il venerabile Nguyen Van Thuan, teologo e maestro di speranza cristiana”, Nhue Nguyen parlerà di “Perdono-Amore: osservazioni introduttive sulla lettura inculturata del Vangelo negli esercizi spirituali del Cardinale Van Thuan”, François-Marie Léthel (OCD) professore ordinario della Pontificia Facoltà Teologica Teresianum parlerà sul tema “Ti porto con me giorno e notte: La spiritualità eucaristica del Cardinale Van Thuan”.

Il convegno sarà anticipato da due momenti di ricordo e preghiera: il pomeriggio di martedì 12 giugno è in programma un pellegrinaggio con una celebrazione eucaristica alle 16.30 presso la chiesa di Santa Maria della Scala a Trastevere di cui era titolare il cardinale vietnamita e dove dal 2012 sono custodite le sue spoglie. La mattina del 13 giugno, invece, i partecipanti al convegno prenderanno parte all’udienza generale di Papa Francesco in Piazza San Pietro.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.