I vescovi venezuelani a fianco delle vittime di tratta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:08

Lottiamo contro la compravendita di bambini, donne e uomini come schiavi per essere destinati all’accattonaggio, alla prostituzione o al lavoro forzato”. E' questo l’impegno ribadito dalla Commissione Giustizia e pace della Conferenza episcopale del Venezuela, che ha incontrato i familiari delle 28 persone sparite a Güiria, nello Stato di Sucre, mentre navigavano con una imbarcazione verso l’isola di Trinidad e Tobago. La Commissione ha accertato, insieme alle famiglie, “che la maggioranza delle persone sparite in questa occasione erano donne contattate da persone che hanno offerto loro lavoro e migliori condizioni di vita nell’isola”. Nel mese di maggio è sparita in mare un’altra imbarcazione.

L'appello

Mons. Roberto Lückert, arcivescovo emerito di Coro e presidente della Commissione Giustizia e pace, e don Saul Ron Braasch, vicario generale della stessa Commissione, notano “con preoccupazione l’aumento di questo tipo di fatti non solo nella zona orientale del Paese ma anche nelle zone frontaliere di Falcon, Brasile e Colombia, dove operano gruppi di delinquenti che mettono in pericolo la vita e l’integrità fisica e la dignità delle donne, specialmente giovani e minorenni”, lasciando nella disperazione i familiari. La Commissione Giustizia e pace chiede perciò alle autorità di “investigare, perseguire, processare e condannare i responsabili dei crimini di tratta delle persone, garantire alle famiglie delle vittime l’accesso diretto e senza nessun ostacolo ai corpi di sicurezza dello Stato e agli organi giudiziari, per esporre i propri casi e ricevere giustizia senza alcun ritardo”. “La Commissione e la Caritas – conclude la nota riportata dal Sir – continueranno a seguire ed accompagnare i familiari per fare chiarezza sull’accaduto”. Intanto prosegue la crisi umanitaria in Venezuela: mancano generi alimentari, medicine e lavoro. Le persone tentano di scappare in Colombia o nei Paesi confinanti, ma le frontiere sono chiuse. Lo scoros marzo il vescovo di San Cristóbal, monsignor Mario Moronta, ha espresso il proprio appello alle autorità del Venezuela per la riapertura della frontiera. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.