I vescovi contro la “malvagia corruzione endemica”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:00

Ivescovi di Haiti hanno indetto un'anno di preghiera e di adorazione eucaristica per combattere povertà e corruzione, endemiche nella repubblica situata sull'isola di Hispaniola, nel Mar dei Caraibi. L'isola, colpita nell'estate 2004 dall'uragano Jeanne, nel gennaio 2010 dal secondo terremoto più distruttivo della storia dell'uomo e nell'ottobre 2016 dall'Uragano Matthew, vive in uno stato di emergenza umanitaria cronico.

La lettera

“Il contesto di quest’anno di preghiera – si legge nella nota dei vescovi pubblicata dal Sir – è ovviamente la situazione attuale del popolo haitiano ad Haiti. La miseria è diventata così graffiante, l’insicurezza così destabilizzante che l’albero della speranza è stato strappato dal suolo”. Ma la mancanza di speranza “in un popolo è sempre stata considerata un male assoluto”. Accanto a ciò, esiste una “malvagia corruzione endemica, che è una cancrena per il Paese”. Tra queste tre cause, esiste una relazione di causa ed effetto. “Questi tre mali capitali – prosegue la nota – saranno al centro della nostra preghiera per tutto l’anno 2019-2020, ma soprattutto al centro della nostra adorazione. “Per sottolineare la dimensione veramente ecclesiale di questa preghiera – spiega la Conferenza episcopale – il vescovo diocesano organizzerà una grande celebrazione del culto ogni trimestre nella sua diocesi. Questo ci consentirà di risvegliare e attivare il senso di responsabilità di ogni haitiano nella prospettiva della salvezza del nostro caro Paese. Individualmente, ogni haitiano, ogni gruppo di preghiera cercherà, durante i momenti di culto, di consacrare e restituire a Dio il destino del nostro Paese e del nostro popolo”. “Il Signore non ha sempre ascoltato la voce della sua gente che piangeva per Lui? Non siamo noi il suo popolo, il suo gregge?”, conclude la lettera.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.