I vescovi: “Andiamo avanti nel dialogo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:40

N oi Vescovi della Conferenza episcopale del Nicaragua, abbiamo deciso di continuare a fornire il servizio che il governo ci ha chiesto, come mediatori e testimoni del Dialogo nazionale. Con lo stesso entusiasmo e lo stesso impegno. Presto inviteremo alle sessioni plenarie”: con queste parole, inviate all'agenzia Fides, Mons. Silvio José Baez, vescovo ausiliare di Managua, ha annunciato che il dialogo non si ferma, che i tentativi per un accordo pacifico per la democratizzazione del paese vanno avanti.

Nonostante le aggressioni subite lunedì 9 a Diriamba dal card. Leopoldo Brenes, da mons. Silvio Baez, rimasto ferito ad un braccio e a cui è stata strappata la croce pettorale, e dal Nunzio apostolico, mons. Waldemar Stanislaw Sommertag, i vescovi hanno dunque deciso di andare avanti perché sperano di trovare una soluzione pacifica alla crisi sociopolitica che soffre il paese e che ha provocato almeno 320 morti da aprile scorso. In una riunione straordinaria, la Conferenza episcopale del Nicaragua è stata unanime nella decisione di continuare come garante in questo dialogo, iniziato il 16 maggio, perché, con le parole di mons. Baez, “continuiamo a credere che il dialogo sia il modo per superare la violenza”. “Non ci ritiriamo, nonostante l'ostilità del governo” ha ribadito il vescovo ausiliare di Managua.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.