HAJJ: 2 MILIONI DI MUSULMANI IN PELLEGRINAGGIO ALLA MECCA

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:44

Settembre per i mussulmani di tutto il mondo rappresenta il mese dell’Hajj, il pellegrinaggio alla Mecca, in Arabia Saudita. Il pellegrinaggio nella città sacra è il quinto pilastro dell’Islam ed è un atto obbligatorio che ogni musulmano deve compiere almeno una volta nella vita, se i suoi mezzi lo consentono, e deve essere compiuto solo a determinate condizioni. Il pellegrinaggio si svolge tra l’ottavo e il tredicesimo giorno del mese di Dhu l-hijjah, il 12º e ultimo mese lunare (fatto da 29 giorni) del calendario islamico. Quest’anno dovrebbe cadere tra il 09 e il 14 settembre.

Il pellegrinaggio costituisce un evento importante nella vita del credente islamico, perché rappresenta un mezzo di purificazione: lungo il cammino l’uomo chiede perdono per i suoi peccati e viene purificato attraverso il suo pentimento e la celebrazione dei riti obbligatori che prevedono – tra gli altri – il lavacro di purificazione completo del corpo, la settuplice circumambulazione in senso antiorario della Kaʿba, il lancio di 7 sassolini contro una delle 3 steli che rappresentano il diavolo, nonché la rasatura (o accorciamento per le donne) della capigliatura come espressione del ritrovato stato di purità.

Il luogo del pellegrinaggio è la grande moschea della Mecca che comprende la Ka’bah e la fonte di Zamzam. La Ka’bah è un edificio cubico situato più o meno al centro del grande cortile della moschea; nel suo lato orientale è collocata la pietra nera che è un blocco di minerale di colore nero e di origine sconosciuta già sacro ad Abramo e agli arabi preislamici.

Da molti anni le autorità saudite hanno fissato alla cifra approssimativa di 2 milioni il numero di pellegrini autorizzati ad adempiere al ḥajj (con l’eccezione del 2012 in cui la cifra ha superato le 3.161.000 presenze) e dal 2013 hanno stabilito che non si possa richiedere il permesso di compiere il Pellegrinaggio maggiore per più di una volta in un quinquennio.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.